Mentre io non c'ero…

P1040827Ecco: basta che mi assenti un attimo e succede di tutto! Uffa!!! Sono usciti libri, sono state fatte presentazioni letterarie, è uscito il nuovo numero di una rivista, e sono stati resi noti i risultati di un davvero nobile concorso letterario. E mi sembra (ma mi sembra solo, non ne sono proprio sicura…) che sia nato pure un nuovo partito. E io mi sono persa tutte queste prime. Va be’, faccio finta che nessuno sappia ancora nulla di queste novità eclatanti e le segnalo ugualmente. Riguardano cari amici, e mica posso ignorarle…A parte la nascita del partito. Su questo taccio. Prima di tutto perché non ho amici fra i politici e poi  perché per un po’ voglio stare a vedere.
Allora…voila!

http://armoniadelleparole.splinder.com/post/14246018/Sono+venuti+alla+luce%
Sì, i
Canti Celtici di Renzo Montagnoli sono venuti alla luce, e sono certa che daranno luce a chi ama la poesia. Auguro a questo libro un volo felice,
le ali le ha forti e belle e potenti. Alcuni di questi Canti li lessi a suo tempo. Quello che vi trovai mi piacque tantissimo. Ecco perché non vedo l’ora di avere il libro intero fra le mani. Di leggerlo e rileggerlo. E di regalarne copie agli amici. E di raccomandarvi di fare altrettanto. Ecco qui sotto cosa ne pensa una grande poetessa, che con la sua sensibilità, ha saputo cogliere tutta l’essenza e pure tutta la profondità della silloge di Renzo.
http://www.kultunderground.org/articoli.asp?art=773

Ma non è finita qui: perché anche Cristina Bove (http://cristinabove.splinder.com/      )  ha pubblicato in questi giorni  un libro di poesie: Fiori e fulmini. E già il titolo mi sembra l’ ottimo preludio di una sinfonia sublime. Ho letto, sia nel suo blog, che nel sito e nel blog di Renzo Montagnoli, molte poesie di Cristina: tutte di altissimo livello, sia per la struttura poetica sia per la tematica. Andate a leggerle, se ancora non le conoscete. Credo poi che il desiderio di acquistare pure questo libro vi prenderà immediatamente. Ah, dimenticavo: le modalità di acquisto sia del libro di Renzo che di quello di Cristina sono molteplici, potete farlo sia attraverso internet, sia attraverso posta normale, ma anche in diverse librerie in tutt’Italia. Potete trovare tutte le informazioni nei link che ho inserito. 
http://armoniadelleparole.splinder.com/post/14246074

E ancora: mentre ero a Siviglia ho ricevuto anche una mail che conteneva un link lungo lungo (e che non riesco a incollare qui).
Perché è successa un’altra bellissima cosa: la mia amica Rita (amica non virtuale, questa volta) ha pubblicato il suo primo libro. Mi sa che la mia libreria alla fine crollerà sul pavimento… Perchè naturalmente acquisterò anche il suo
Basterà uno sguardo. E basterà uno sguardo per avere la conferma che è un bel romanzo questo di Rita Zaghi.
Rita Zaghi, 55 anni, vive e lavora in provincia di Bologna.

Dopo una vita in corsa si è fermata per mettere sulla carta parole e pensieri . Per giungere a questo ha percorso vie differenti, dal femminismo all’organizzazione in ambito lavorativo, passando per la new age. In questo suo vivere fra i sogni e la realtà, fra tarocchi e marmellate, cerca di mantenersi in un equilibrio non sempre facile.
Scrive racconti, favole, poesie, per mettere sulla pagine le sue emozioni di donna .
”Basterà uno sguardo” è il suo primo romanzo breve.

Ha pubblicato:

– "Basterà uno sguardo" – 2007, Edizioni Il Melograno (cliccate sul titolo per avere ogni informazione)

Ha inoltre pubblicato in varie antologie:

– Ri-scritture, 2005,  Edizioni Morgana
Io scrivo, 2005, Edizioni Perrone
Racconti d’estate, 2003, Edizioni Ibiskos
e altri racconti in antologie di Associazioni diverse.


Per due ore o poco meno ho mancato la presentazione on line del libro di
Laura Costantini e Loredana Falcone. Meno male che qui, in questo mondo stupefacente, nulla va perduto. Così ho potuto sapere tutto ugualmente. E sono rimasta molto colpita dal tema che le due scrittici…siamesi hanno affrontato in questo loro romanzo. E’ un tema che per vari motivi mi interessa molto. E credo anche che interessi a moltissime persone. Non si può certo ignorare, infatti, il conflitto che tormenta il popolo israeliano e quello palestinese. Ed è di questo conflitto  che si  racconta  ne “La guerra dei sordi”. Laura e Loredana ce ne donano anche un brano. Che, è ovvio, ci fa venire la voglia prepotente di leggere tutto il libro. A me è successo. Sono sicura: succederà anche a voi.
http://lauraetlory.splinder.com/post/14287820/LA+GUERRA+DEI+SORDI

Continuando nelle news:

E’ uscito il quinto numero di Historica, la rivista curata da Francesco Giubilei (che mi stupisce e mi stupisce e mi stupirà sempre per la sua maturità da adulto, avendo solo quindici anni). C’è anche la prima parte di un mio racconto (la seconda verrà pubblicata nel prossimo numero). E’ il racconto che ha vinto il secondo premio nel concorso Storie di Donne, quello per cui due domeniche fa sono andata a Salerno, ricordate? Mi farebbe proprio piacere che, dopo aver letto le cose belle pubblicate sulla rivista, leggeste anche il mio racconto. Per poi, magari, fare qualche commento.
http://caffestorico.splinder.com/post/14280317

E in finale:

http://balenebianche.splinder.com/post/14289591/Risultati+del+concorso+lettera
Sabrina è stata bravissima! Ha portato avanti la sua fantastica idea per aiutare il piccolo Gramos e ora, che sono stati selezionati i racconti, il libro di favole può essere mandato in stampa. Credo che questo concorso sia stato il più nobile dei concorsi. Per il suo scopo, naturalmente. Non importa poi molto
chi sia stato selezionato. L’importante, la cosa fondamentale, è  che non appena il libro verrà stampato ne acquistiamo tante copie. Un libro per salvare un bambino. La concretizzazione vera e non solo ideologica che un libro può salvare la vita.  Anzi, se vi vengono idee per pubblicizzare ancor meglio, in modo capillare, questa iniziativa, esponetele senza timore. E’ molto, molto importante…
E grazie, Sabrina! Sei stata GRANDE!!!

Come ho scritto all’inizio nessun commento su news politiche. Però andate qui, dove Patrizius fa parlare le immagini.
http://poetaperdere.splinder.com/post/14314880/PD%3A+cambier%C3%A0+la+

Ho pensato a quale musica inserire questa notte, in questo post zeppo di…nascite. Pensavo qualcosa tipo Happy birthday to you, o una vecchia canzone che si chiamava, mi pare, Congratulation…Ma mica ero convinta…Poi ho pensato alla parola nascita, e mi è venuto subito in mente la parola primavera. E cosa ci può essere di migliore della Primavera che fra poco, se volete, potete ascoltare. Con questo bellissimo brano voglio augurare a tutti gli amici citati che le loro giovani opere, le loro belle creature, abbiano una bellissima, luminosa, lunga stagione. E li vorrei anche abbracciare uno a uno. Dimenticavo: quel fiore rosso, su in cima, è dedicato a loro. Un fiore di un bellissimo giardino di un palazzo sivigliano. Un fiore  rosso, che il rosso porta fortuna.
http://www.youtube.com/watch?v=KWQlJ6b-w7g

Finisco con un avviso ai naviganti di Firenze e dintorni:
 

Progetto letterario OMERO 2.0
 
Mercoledì 17 ottobre – ore 22
Libreria Café LA CITE’ – Via Borgo S. Frediano 20 R Firenze

 
Presentazione del libro "
Annunciazione in metropolitana" (Fazi, 2007)
di CHIARA CRETELLA
introduce Alessandro Raveggi interviene Federico Tomasello.
Seguiranno letture dell’autrice.
 
"Che sia il decadentismo lo strumento culturale più adatto a descrivere una generazione che non ha vissuto gli anni della rivolta e non riesce ad accettare quelli della restaurazione? Chiara Cretella sembra optare per questa sorprendente chiave di lettura… descrive un’età intermedia tutta al femminile, anche quando il maschile vi si mescola. Nessuno, in anni recenti, aveva tentato impresa analoga – descrivere Termidoro – con pari efficacia filosofica e di scrittura."
(Valerio Evangelisti)
 
 
Prosegue tutta al femminile la rassegna letteraria OMERO 2.0 a cura di Alessandro Raveggi e Vanni Santoni. Ospite la scrittrice bolognese Chiara Cretella. Prosatrice, poetessa, ma anche critica (letteraria e sociale) e performer, l’autrice ci presenta, introdotta da Alessandro Raveggi, il suo recente libro uscito per Fazi: "Annunciazione in Metropolitana". Un cantico alla caduta in una Milano gotica. Una sconcertante analisi dei turbamenti giovanili, nell’epoca di una sessualità inorganica e artificiale. Scritto con uno stile raffinato di un’atmosfera ottocentesca ed estraniante, contaminata dal degrado urbano in cui l’unica forma di resistenza artistica diventa il palcoscenico del corpo.
 
Leanna ha ventiquattro anni e cerca la sua annunciazione per le strade di Milano. Si è appena laureata in scienze politiche con una tesi sul femminismo e fa la modella all’Accademia, per mantenersi. Un giorno, mentre assiste al funerale di suo padre, un politico della Prima Repubblica corrotto e inquisito per tangenti, incontra Alfredo, che la porta nella sua casa-prigione. Alfredo trascorre le giornate nei cimiteri, parla con i becchini, vaga tra tombe e lapidi, alla ricerca di un segreto che lo approssimi al mistero della vita. È un body artist, spinge il dolore e la solitudine all’estremo artistico. Vuole un compagno di giochi, qualcuno che lo aiuti a creare la sua opera d’arte, la grandiosa performance finale… Solo la crudeltà è amorevole.

Chiara Cretella è nata nel 1976 a Pescara. Dottore di Ricerca in Italianistica, collabora alla cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea del Dams di Bologna come Cultore della materia. Si occupa a livello specialistico e giornalistico di critica d’arte, controculture, poesia e narrativa. È caporedattrice della rivista di poesia e studi di genere «Le voci della luna». Tra le sue pubblicazioni il romanzo Gli insetti sono al di là della mia compassione (Pendragon 2003); la curatela del volume di Camillo Boito, Senso. Storielle vane, (Allori 2005); il romanzo Annunciazione in metropolitana (Fazi 2007); la curatela del volume di Camillo Boito, Storielle vane (Pendragon, 2007), la curatela, con Piero Pieri, di un Atlante dei movimenti culturali dell’Emilia-Romagna 1968-2007 in 3 volumi (CLUEB, 2007). È autrice di molti saggi in volume e atti di convegno (sulle neoavanguardie, sulle iconografie femminili, sull’arte contemporanea, sulle scritture carcerarie, sulle espressioni culturali dei movimenti politici degli anni Settanta, sulla letteratura dell’Ottocento ecc.), cui alterna una vasta attività giornalistica.
 
info libreria
LIBRERIA CAFE’ LA CITE’
Interno 4 – Firenze
Borgo San Frediano 20rosso
50124 Firenze
tel: +39 055 210387
web: http://www.lacitelibreria.info
mail: info@lacitelibreria.info

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in avviso ai naviganti. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Mentre io non c'ero…

  1. RenzoMontagnoli ha detto:

    Grazie, Milvia. Sono commosso.

  2. lauraetlory ha detto:

    Grazie Milvia, la cosa bella delle presentazioni online e’ che puoi mandarle avanti per un paio di giorni senza che nessuno ti cacci via a calci (dall’eventuale sede).
    Laura e Lory

  3. anonimo ha detto:

    Bentornata Milvia! E’ sempre un piacere leggere il tuo blog insieme al primo caffè del mattino.
    Mirella

  4. cristinabove ha detto:

    Bentornata Milvia! Aspettavo il tuo ritorno.
    Un grazie di cuore della segnalazione e dei giudizi lusinghieri sulle mie poesie.
    E di tutte le notizie di cui ci fai partecipi.
    Affettuosamente
    cri

  5. patrizius ha detto:

    Milvia..per il momento ti dico bentornata….

  6. biancabalena ha detto:

    Bentornata, e grazie.
    Anche per l’Ibyscys scarlatto. Meraviglioso, ne ho di uguali a casa.
    E’ il “mio” fiore. 😉

    un abbraccio

  7. caffestorico ha detto:

    Grazie Milvia.
    Bel riassunto di molte attività che stanno succedendo nella blogsfera.
    ciao
    Francesco

  8. ReAnto ha detto:

    Eccoti all’ovile ………. 🙂 Ola!

  9. ReAnto ha detto:

    Per quanto riguarda il nuovo “partito”..non tisei persa niente ..hanno fatto una nuova DC…..

  10. Soriana ha detto:

    @per tutti: scusate il terribile ritardo con cui rispondo a questi e a tutti gli altri commenti legati ad altri miei post. Sono stata molto presa, in questi giorni: da mille cose da fare e anche da stanchezza.

    @Renzo: Grazie a te. La commozione (mia) nasce leggendo i tuoi Canti.

    @Laura e Lory: e poi c’è anche il vantaggio che si può stare comodamente seduti, andare a far pipì senza disturbare nessuno e non dover bere spumantini vari e non sempre D.O.C….

    @Mirella: sono come un cornetto, insomma…

    @Cri: I giudizi sulle tue poesie vorrei saperli scrivere molto meglio, cara Cri…

    @Patrizius:…per il momento ti dico bentrovato…

    @Sabrina: tu, quel fiore, lo meriti in maniera speciale. Ti dobbiamo ringraziare tutti noi, Sabrina per questa cosa bella che hai organizzato, e che ha permesso anche a noi di fare un piccolo gesto di generosità.

    @Francesco: già, sono successe proprio tante cose…

    @Antonio: ola! il nuovo ha un gran cattivo odore, mi sa…Come i cibi che rimangono in frigo troppo a lungo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...