Nazione indiana

indiani034Sì, voglio ricordarli anche questa sera: ecco una poesia che ha loro dedicato  Renzo Montagnoli

Nazione indiana

 

Scendevano possenti

i crini al vento

un rombo di tuono

nel verde fresco di pioggia.

Amici dei giorni di gioventù,

cibo e vestiti più in là,

questi erano i nostri tatanka.

Liberi nella libertà del cielo,

liberi come noi,

soli a calpestare questa terra,

prima che l’uomo bianco

venuto da lontano,

da oltre l’immenso lago,

portasse la civiltà,

distruggesse la nostra vita,

seminasse l’odio,

incendiasse i cuori.

E’ la legge del più forte

e un giorno pure lui

la conoscerà.


http://www.youtube.com/watch?v=h_ewkW72c6I
http://www.youtube.com/watch?v=G5WbVw0HBr4

Due video: il primo perchè me lo ha ricordato Mirella, e la ringrazio davvero. Un occasione anche per ricordare Fabrizio de Andrè

Nel  secondo video, musica, immagini, e anche parole. Da tenere presenti.

Un’ultima cosa: non posso fare a meno di fare questa segnalazione: non è in linea con il tono del post, forse. Ma forse a modo suo lo è.  La crudeltà dell’uomo può manifestarsi in diversi modi.
http://biogiannozzi.splinder.com/post/14426528/Fermiamo+Guillermo+Habacuc
+Var#comment-38805580

Ed ecco che questa mattina scopro che…
http://www.remobassini.it/blog/index.php
Non c’entra con i Nativi, no, ma è una notizia importante, che non potete assolutamente farvi sfuggire.

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in la poesia salva la vita. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Nazione indiana

  1. cristinabove ha detto:

    Bellissima e suggestiva la foto, e altrettanto la poesia di Renzo.
    Che Manithu (spero si scriva così) ci assista…
    abbracci
    cri

  2. RenzoMontagnoli ha detto:

    Quasi mi assomiglia quel capo indiano.
    E’ una storia quella degli indiani d’America scritta dai vincitori e perciò non rende loro giustizia.
    Sto pensando quasi, ma dopo ricerche che brevi non saranno, di dedicare loro o una raccolta di poesie, oppure un romanzo, perchè la gente sappia, perchè comprenda che gli ultimi versi di Nazione indiana sono ineluttabili per tutti.

  3. patrizius ha detto:

    Braca a Milvia per la sua straordinaria sensibiltà nel proporre all’ attenzione dei blogger questo popolo dimenticato..
    e a Renzo che per dirla con gli indiani chiamerei :
    il pittore della parola dal cuore in fiore…

  4. patrizius ha detto:

    riquoto parz. mio precedente comm.
    per errata corrige:
    Brava Milvia….( altrimenti chissà cosa penserebbero i benpensanti…)

  5. Soriana ha detto:

    @Cri: Che Manithu (comunque si scriva) ci assista tutti, certo, Cristina…E già che c’è che faccia volare…in cima alla luna( ti rubo questa bella espressione) Fiori e Fulmini.

    @Renzo: Insomma, non è che ti somigli proprio tanto…Devi scriverli, i canti indiani, è un po’ che ci penso, che devi scriverli…

    @Patrizius: Sei bravissimo! Riesci a portare anche negli argomenti più tragici quel pizzico di ironia, di leggero umorismo, che riesce a strapparci un sorriso liberatorio.Grazie!
    Spero che di “benpensanti” qui non ne circolino troppo. Non è che io li ami particolarmente.

    Un abbraccio a tutti e buonanotte

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...