Il bel tacer non fu mai scritto

papa_11481456_18270(http://www.repubblica.it)

Con quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così…
Chissà perché proprio ora mi è venuta in mente  questa canzone?  Mah, fa strani scherzi, la mente…
 
E a proposito di scherzi, o meglio di battute, vorrei…cazzeggiare un po’ (per non piangere) sull’ultimo monito (dovrei usare la M maiuscola?) che ieri Benedetto16 (
*) ha fatto cadere dall’alto della sua somma carica.
Credo che tutti ne siano a conoscenza, giusto? Il nostro ieri ha dato vita (sempre bisogna dar vita…) a una nuova categoria: il
farmacistaobiettoredispensatoredimoralità.  E’ tassativo, per gli adepti a questa sorta di nuovo ordine, che non  dovranno limitarsi a negare farmaci
(assolutamente legali, per altro) al cliente che ne farà richiesta, ma dovranno anche prendere il malcapitato e convincerlo di quanto sia immorale anche solo l’aver pensato di acquistarli…
( i farmacisti attraverso il loro ruolo di intermediari tra medici e pazienti devono informare sulle “implicazioni etiche dell’uso di alcuni farmaci”.).
E già me le vedo ai lati del bancone, proprio accanto al dispenser dei preservativi,  quelle stanzette prefabbricate, simili a confessionali, dove il farmacista si apparterà con il peccatore, sussurrandogli: figliolo/a, questo è male, non è morale, il diavolo si cela dietro quel farmaco… Tre pater ave e gloria…o in alternativa l’acquisto della nostra crema anticellulite che fa miracoli, dopo due ore hai le gambe della Kelly Brooks…357 euro e 50 centesimi, vai in pace…
Già, me le vedo proprio quelle stanzette…

E se tutti, ma proprio tutti i farmacisti esplicassero questo loro… diritto, che succederebbe? Che qui, sotto i portici di Piazza Verdi, ad esempio, non ci si sentirebbe più sibilare nell’orecchio: fumo?, ma: Valium? Perché, a proposito di eutanasia, se un tipo si prende 25.000.000 di gocce di Valium, insomma alla fine non è che si sente molto bene… Quindi, secondo me, anche il Valium deve far parte dei farmaci immorali. Anzi, quasi quasi domani gli mando una mail in Vaticano… Ah, devo ricordarmi di fargli presente anche il fatto dei preservativi, che lui non l’ha specificato bene, ma a me sembra ovvio, avendo analizzato a fondo questo punto: Non si può tacere sulle molecole che cancellano la vita di una persona o evitano l’annidamento dell’embrione. Credo che pure i preservativi siano composti di molecole, quindi…

Girellando in rete, cercando informazioni sull’…editto, ho trovato cose carine, commenti divertenti.
In relazione alla notizia che Giacomo Leopardi,
Presidente Federazione Ordini Farmacisti Italiani e l’onorevole Isabella Bertolini di F.I. condividono in pieno l’invito del papa, qualcuno ha scritto:
dì a giacomo leopardi di scrivere le sue poesie e alla bertolini di dedicarsi al suo lievito.
Un’altra persona, poi, ipotizzando che l’aborto legalizzato pian piano sparisca (ipotesi non così fantascientifica, a mio parere) e che quindi si debba tornare ai vecchi metodi, asserisce che un fruttivendolo, se è un buon cattolico, dovrà esercitare il suo diritto all’obiezione di coscienza non vendendo più prezzemolo, per non parlare di un devoto merciaio:niente ferri da calza, alle signore….

Insomma, anche in rete si ride per non piangere…

E chiudo qui l’argomento, perché ora, invece, sto piangendo davvero:
ho appena appreso dell’uscita del nuovo libro di Bruno Vespa:
Amore e potereda Rachele a Veronica.
Voglio il Valiuuuuuumm!!!!

(*) no, non è il nick di un blogger.

Chissà perché ho ancora in mente quella canzone…Mah, forse perché è già tardi…Meglio che vada a dormire…
Ma, a parte gli scherzi, guardatelo, il video: è bellissimo.  E non c’e  niente da ridere…

http://www.youtube.com/watch?v=DTvmIVbrgFw

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in fuori di testa. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Il bel tacer non fu mai scritto

  1. rael_is_real ha detto:

    che, poi, non vedere l’idiozia folle della cosa: qualunque donna che abbia voluto un figlio non riuscendoci ha sviluppato una cultura farmacologica su COSA evitare per non danneggiare la gravidanza.
    quindi: niente antistaminici 6 mesi prima della fecondazione. niente cortisone. la maggior parte dei medicinali può provocare malformazioni o aborti.
    quindi, cari farmacisti, evitate di venderci il vicks medinait, grazie, ché è lo sciroppino del diavolo.

    cara Milvia, stiamo-stanno raggiungendo livelli in cui l’idiozia viene scavalcata.
    E intanto, sebbene la chiesa cattolica romana non paghi l’ici, si becchi l’8 per mille e con una sedia di san pietro potrebbe sfamare l’uganda per sei mesi, accadono queste cose:

    La Chiesa si incazza e alza la voce. Ezio Mauro non si fa intimidre e risponde a muso duro. E’ scontro tra la Repubblica e la Santa Sede. Purtroppo non tra la Repubblica italiana, ma tra il quotidiano e i vescovi. Oggetto le inchieste di Curzio Maltese che per una volta sono benedette, dopo tante cazzate sul campo. Questa serie di articoli sta illuminando privilegi e prebende elargite in gran quantità dallo Stato.
    Noi di Sr si sta con Repubblica. E con la Repubblica laica.
    Nell’ultima inchiesta uscita ieri, Maltese ci dava conto di come “l’attuale governo di centrosinistra, con il ministro Fioroni all’Istruzione, è impegnato al momento a battere i record di generosità stabiliti ai tempi di Berlusconi e Letizia Moratti”. L’ora di religione costa agli italiani un miliardo di euro all’anno. Essendo facoltativa dovrebbe prevedere insegnanti non di ruolo. E invece dal 2004 sono diventati progressivamente di ruolo. Chi li sceglie questi insegnanti? I vescovi. Prenderanno poco questi insegnanti. Sbagliato, prendono di più degli altri. Perché a loro vengono applicati gli scatti biennali di stipendio e di anzianità. Per sapere il resto, ecco l’articolo.

    http://stamparassegnata.splinder.com/post/14439016

    papysixtiin ci sta portando a una frattura insanabile: noi, che non abbiamo necessità di azioni eclatanti ed immorali, loro che vietandoci la normalità trasformano le nostre azioni in immorali ed eclatanti. allontanando da quel che c’è di buono nella religione cattolica.

  2. anonimo ha detto:

    Bravissima Milvia!
    Sono incazzata quanto te.
    Io il ferro da calza l’ ho provato, ma lo farei provare a chi so io e dove so io.
    Un abbraccio grande e grazie per tenerci gli occhi aperti.
    cri

  3. anonimo ha detto:

    Cazzingher, il Von Papen tetesco.

  4. anonimo ha detto:

    a me sembra che l’arroganza di pensieri che prima nessuno trovava il coraggio di palesare (e forse non aveva neanche) e che ora stanno diventando non solo giustificazioni, ma affermazioni e coercizioni, sia alla base di ognuna di queste esternazioni.
    Non è il tentativo di difendere un potere o di incrementare un guadagno. Sono vere e proprie indicazione per un pensiero discriminante.
    E mistificatorio perchè si nasconde dietro una “correttezza” e delle motivazioni finto-positive.

    C’è qualcuno capace di insegnare il concetto di laicità senza dover sempre dare un colpo al cerchio ed uno alla botte?
    Senza dover dire che tutti hanno la loro fettina di ragione?

    La sagra delle ipocrisie.

    A te un grazie 🙂

    naima

  5. riri52 ha detto:

    Il Papa emana i suoi dictat, ma la gente vive la vita come vuole. Non so se ci saranno farmacisti che aderiranno al’invito, ma quella casta certamente non vorrà perdere il denaro degli “eretici”. IN latino Pecunia non olet e i farmacisti sono come i notai una casta piccola e centellinata, che si tarmanda i posti in linea familiare. Qui a Bologna c’è una farmacia che fa una certa obiezione di coscienza, ma è di fronta a una chiesa, quella di Santa Rita ( guarda caso la santa dei miracoli impossibili) e lo sappiamo tutti, quindi non ci andiamo. Ma la farmacia in mezzo a qualche landa deserta potrà permettersi di perdere il denaro? Non credo. Ciao Riri52

  6. riri52 ha detto:

    Mi scus per gli errori del precedente messaggio, vado di corsa!

  7. RenzoMontagnoli ha detto:

    Non so perchè, ma questo pontefice mi ricorda tanto un bimbo capriccioso che pretende di insegnare agli altri quando è che lui che dovrebbe andare a scuola.

  8. patrizius ha detto:

    Sì…sì…lo vedo benissimo questo papocchio a cercare di fare a tutti la profilassi…antiprofilattico…
    glielo metteremo a lui il “condom” in testa…così almento potremo dire di averlo “condomizzato”…

  9. ReAnto ha detto:

    Chi è che ride? 🙂

  10. winyan ha detto:

    Ho apprezzato molto il tuo post, sia nella forma che nella sostanza, siamo messi proprio male…
    comunque sia, buon giovedì di festa a te Milvia e a tutti i frequentatori di questo blog.
    🙂
    maria

  11. lauraetlory ha detto:

    Grande Milvia.
    Laura

  12. Soriana ha detto:

    @Rael: la storia dell’ora di religione è davvero una delle cose più infami, della scuola…Avendo amiche insegnanti sapevo già di questi privilegi che hanno gli insegnanti di religione. Che facessero educazione al rispetto, invece…Obbligatoria, questa, non facoltativa…Sapessi quanto sono incazzata…
    Ciao, Rael, sono contenta di averti letto qui.

    @Cri: dobbiamo, dobbiamo restare incazzate. Come diceva qualcuno: resistere resistere resistere.

    @Naima: il problema più grande oggi è veramente lo strapotere dell’arroganza. Che intimidisce i più deboli, che fa chinare la testa a molti. Ne sono affetti i politici, ne è affetto lui, il sommo rappresentante di Cristo in terra, che blatera e blatera e blatera, e alla fine qualche sua parola va a segno, e nascono incertezze…Lui parla di farmaci immorali…Immorale è la guerra, immorale è la morte dei bambini malati di aids (malattia, sua santità, che non si combatte con l’astinenza), immorali sono le fabbriche di armi…Queste e tante altre sono le cose davvero immorali. Hai pienamente ragione, Naima: arroganza e ipocrisia. Ecco i…valori con cui il mondo si basa, oggi.

    @Riri52: Sì, Rita, saranno probabilmente ben pochi i farmacisti che diventeranno obiettori; ma il problema va oltre. Il fatto che queste esternazioni…papaline vengano pronunciate misura il polso della situazione che stiamo vivendo. Un’epoca in cui creare confusioni, divisioni, sensi di colpa (tanti cattolici le bevono le parole del papa), divisioni è cosa di tutti i giorni. Perchè se si è confusi, se ci si sente colpevoli, se non c’è unione, allora si è deboli. Ed è così che va bene, per loro…gli arroganti.

    @Renzo: un bimbo capriccioso lo si può prendere a sculacciate…Qui, mi sa, c’è poco da fare…a meno che non seguiamo il suggerimento di Patrizius…

    Patrizius: Sempre terribile…Ma mica sarebbe una cattiva idea…

    @Antonio: si ride…si ride con in bocca il sapore del più amaro dei caffè…

    @Maria: Beh, grazie! Ho pensato che se l’avessi buttata in ridere, chissà, forse per contrasto, il contenuto poteva diventare più pesante…In verità credo che sia stata la rabbia, a guidarmi la mano, perchè aveva paura che altrimenti sarebbe esplosa…

    @Laura: 1 metro e 55…Proprio grande…insomma… Grazie, Laura, mi ha fatto piacere che tu abbia scritto così….

    Milvia

  13. rael_is_real ha detto:

    ciao Milvia. io ho una famigliare che fa l’insegnante di religione. e si permette pure di fare la commmmmunista, laureata con 110 e bacio accademico all’università pontificia. ha rischiato più volte una messe di calci nel culo e non è detto che prima o poi se li becchi.

  14. Soriana ha detto:

    Cara Rael, forse se li merita proprio…
    Ciao!
    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...