Graziella Poluzzi in: Altre scrivanie

mimosastregaUmorismo nero, questa sera, in Altre scrivanie…Ma non preoccupatevi. La mia amica Graziella Poluzzi, detta anche Macabrina, ha scelto di presentarci le meno agghiaccianti fra quelle della sua produzione.
Ecco la scheda di presentazione che mi ha inviato. E a seguire, poi, alcune delle sue “Poesie fiabesche

Graziella Poluzzi vive a Bologna. Umorista, produce poesie, aforismi, mini-racconti, testi di teatro comico in cerca di attori.
Compare in varie Antologie, fra cui:  ”L’amore e l’umore” (Torino Pink Humour, Caus-Glenat,1993), “Siamo senza parole” (L.Tufani editrice, 1997),  “Così ridiamo” (L.Tufani, 1999), “Ragazze non fate versi” (Zona editrice,1999), “Pink Ink” (Zona editrice, 2003),
“L’albero degli aforismi” (Lietocolle, 2004) e “Nuove declinazioni” (antologia di 13 aforisti, Edizioni Joker, 2005).
Ultima raccolta poetica, ironica: “Poesie Fiabesche con Principi improbabili e Cenerentole rivisitate” (Joker 2006)
Nasconde vari scheletri negli armadi, assieme ad una serie di fanzine d’umorismo nero, “Macabrina”, prodotte dal ’95 al 2002.

BARBABLU


Era domenica. Era primavera.

Suonavano le campane.

Era la Santa Pasqua,

una festa radiosa.

Erano pronti per la Messa.

 
Lei aveva un vestito nuovo,

lui un bel cappello lucido, importante.

Stavano andando in Chiesa

senza fretta.

 
Alla mente di lei balenò

un interrogativo,

pensando al pranzo:

“Come mai a Pasqua

si usava sacrificare gli agnelli

per farne costolette?”

Lui le rispose gentile, ma severo

in una certa dose

come era suo solito

in simili circostanze:

 
“L’importante è

non essere mai

troppo curiose.”

 

                        ****

 

LE SCARPETTE DI CRISTALLO

 

Erano molto belle

quelle scarpette splendenti

di luce e decorate,

ma non erano per niente comode,

anzi, indossate, erano impossibili,

terribili, perché mai gliele

aveva regalate?

Le sorse un dubbio.

Che genere di principe

le era capitato?

Si vide sotto al vischio

nel salone illuminato

erano soli, lui le sfilava le scarpe,

a piedi nudi, champagne in bella vista:

insieme in un brindisi incrociato.
 

Che fosse un principe

del tipo ‘feticista’?

 

                          ****

 

                                                                                 LO SPECCHIO

OVVERO LA BELLA E LA BRUTTA

 
 
Lo specchio fu una donna

a inventarlo, lo mostrò

al suo amico, che tosto

lo brevettò e seppe venderlo

con fortuna insperata.

Fece ottimi affari.

 

I maschi capirono subito

con raziocinio sintetico

che era comodo dividere

le compagne in due categorie:

le belle e le brutte;

le belle da rimirare a lungo

e con interesse intanto

che le brutte si rendevano

utili in mille impieghi.

 

Così in omnia secula

continuerebbero tuttora.

 

 

   ****

 

SOGNI MORTIFERI

 

Era un piccolo negozietto

strapieno di orologi:

un’intera parete a pendole,

un’altra a cucù,

che battevano indaffarati

cinguettando le ore

tra sveglie rumorose

come locomotive a vapore.

 

Dietro al banco, le due mascelle

sorridenti della Nera Signora,

con un cappello importante,

sontuoso: una gondola di gala

e sopra ad essa

una falce sgargiante.

 

 ***

 

 

LICANTROPEA

 

L’occhio rapace, le unghie

affusolate come artigli, coltelli

nella nebbia, nebbia fitta a banchi

(si taglia coi coltelli), lassù le nuvole

di corsa come inseguite,

un fuoco di sterpi, fiamme

tra i ghiacci dell’ Inferno,

odore di muschio e umidità autunnali

di foglie in putrescenza,

una radura, una luna nel pozzo,

luna tonda, abbondante,

il canino e l’ugola allupati,

le rane ed il coyote

ed il volto si china su quel pozzo

inquietante, nessuno qui mai prega…

 

ed ecco l’ululato intenso,

lancinante:

è stato…il colpo della strega.

 

(da “Poesie Fiabesche” )

Graziella cura anche due siti internet: andatela a trovare.

www.women.it/umorismo/
(spazio aperto alle donne)

www.bengodi.org/umorismo/nero

Grazie, cara amica Graziella per la tua  partecipazione. E ora, per stare in tema con le fiabe, ritorniamo tutti piccini…

http://www.youtube.com/watch?v=IvcTI3ctK8o

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in altre scrivanie. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Graziella Poluzzi in: Altre scrivanie

  1. cristinabove ha detto:

    Che simpatiche!
    divertenti, con quel tocco di atmosfere noir, veramente godibili…
    cri

  2. anonimo ha detto:

    cara Graziella, che fa ridere mentre…graffia!
    Mirella

    • graziella poluzzi ha detto:

      Conosco una Mirella…L’anonimo, lascia sempre un certo mistero!
      gp

      • Milvia ha detto:

        Ciao, Graziella! Non avrei mai pensato di trovare i tuoi commenti dopo tanto tempo!!! (più di 5 anni!!!). Mirella è proprio Mirella, la nostra amica di Armonie…
        La Foto che apreil post ti avrà stupita. Il libri di Remo Bassini non c’entrano con le tue poesie. È che nel trasferimento dalla vecchia piattaforma di Splinder a WordPress è successo qualche casino.
        Buina settimana!

  3. anonimo ha detto:

    Un puntuto e acutissimo umorismo femminile, alla faccia delle grevi e “furbe” littizzette tele/librarie…. ciao!!

  4. RenzoMontagnoli ha detto:

    Gradevolmente umoristiche.

  5. cigale ha detto:

    Gradevole e arguta la Poluzzi.
    Cara Milvia, desideravo ringraziarti per le parole di elogio che hai avuto per me riguardo alla recensione di Montagnoli. E’ una soddisfazione riuscire a rendere giustizia della fatica degli autori, cercare di penetrare e evidenziare i punti di forza della loro poetica. Il tempo è tiranno ma arriveranno anche parole per te… Con stima.
    😎

  6. Soriana ha detto:

    Ringrazio tutti a nome di Graziella…
    @Cigale: la tua recensione sui Canti la trovo veramente importante.
    Per il resto…grazie, so aspettare, non preoccuparti.

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...