Solo poesie (quasi)

libri27bq

Non ho molta voglia di parlare, in questi giorni.  Un nodo mi stringe in gola, e mi è difficile, per ora, scioglierlo. Ci vorrà tempo.
Allora vi regalo poesie, da libri di poeti scelti a caso sul ripiano a sinistra della mia libreria.

Prima, però, vi invito a entrare qui:
Nobel alla Betancourt

Bartolo Cattafi:

Gesto

Non è vero che non successe nulla
quando tirasti fuori la mano dalla tasca
e a braccio teso tagliasti l’ariaincrocionh8
da sinistra a destra
dall’alto verso il basso    
successe che a braccio teso
tagliasti l’aria
e ciò ebbe il suo peso
l’aria non è più come prima
è tagliata

Franco Alvisi
(da “Primavera Bizantina” Giulio Perrone Editore- 2005)

Mi sento come
se fossi perso
bottiglia vuota    
messaggio in bottigliaper mare aperto

Nel mio ventre porto
il peso tutto
dell’inutilità di una mappa
che cerca nessuno

Daniela Attanasio

Le ore meridiane

Chi devo ringraziare
per questo cielo largo di luce che a mattina
sconfigge ogni scandalo privato
e m’incammina sopra un terreno
coltivato a pratiche divine.
Piantata come un albero in cortile
in me frutta l’idea di guarigione dalla condanna
e guardo il gatto
appisolato nell’abbaglio del sole,
gli occhi stretti lavorati a taglio.
Il gatto se ne sta in un futuro fermo141521378_198c541c53
senza riempire l’attesa del sonno
e non conosce altro disegno
se non quello del cibo e dell’amore.
A chi devo levare lo sguardo
per queste vivide ore, che cosa farò dopo
quando l’ombra avrà scacciato il gatto
e io mi spianterò dal mio cortile?

 (da: Del mio e dell’altrui amore, Empiria)

Gezim Hajdari
(dalla raccolta inedita Stigmate)

Per voi uomini dell’ Europa che vi arrangiate ogni giorno
Per voi donne dell’ Est che lavate per terra o accompagnate
a prendere aria i vecchi d’ Occidente
Per voi immigrati che dormite sulle panchine e vi svegliatepanchina_sdraiato
con un ‘immensa nostalgia
Per voi barboni
che non
volete padroni e vivete in pace
con l’universo
Per voi prostitute che offrite il vostro sesso a negri bianchi
gialli fino al sangue
Per voi malati e disoccupati come solidarietà e misericordia
Per voi missionari che portate tenerezza ai deboli prima di morire
Per voi contadini che fate pascolare il gregge e arate i campi da
nord a sud
Per voi folli che ci insegnate gratis la follia
Per voi che siete soli e fuggite come me
scrivo questi versi in italiano e mi tormento in albanese

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in la poesia salva la vita. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Solo poesie (quasi)

  1. BarbaraProvenzi ha detto:

    Grazie del regalo Milvia, sempre gradito ricevere poesie…
    Un abbraccio,

    Barbara

  2. cristinabove ha detto:

    regali meravigliosi, cara amica, che solo la tua sensibilità riesce a porgere.
    un abbraccio
    cri

  3. Soriana ha detto:

    @Barbara, Cri: grazie a voi, care.

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...