Stefano Benassi: due serate riminesi

P1010285

In cima alla  pagina 36 del libretto che presenta i programmi 2008/2009  dell’Università Aperta Federico Fellini e Giulietta Masina di Rimini  c’è scritto:
 Laboratorio di scrittura narrativa
Laboratorio di scrittura poetica.
Ma non vi è nessun programma esposto.
Perché quest’anno non vi sarà un laboratorio di narrativa, né uno di poesia. E a quel titolo iniziale non segue  quindi l’esposizione del professor Stefano Benassi per ragguagliarci sul contenuto del suo programma, ma solo due righe, che ancora una volta fanno riaffiorare in me un dolore che, anche se pare sopito è, in realtà, sempre presente:
A ricordo di Stefano Benassi, nostro amato docente da dieci anni, deceduto il 14 giugno 2008.

E, dopo un piccolo spazio bianco, ecco che la pagina si riempie con le  parole poetiche che Cristian Conti, autore riminese e allievo di Stefano Benassi, ha voluto dedicare al suo amato Prof.

Indimenticabile Professor Benassi
nostro amato maestro,
ora che il treno del crepuscolo emiliano
così d’autunno come d’inverno
arriverà nelle sere di Rimini con un posto
illuminato e vuoto,
sarà difficile guardare indietro
i binari lunghi della nostra amicizia.

Ora che alla sete di umanità
mancherà l’acqua del tuo abbraccio,
della tua stretta di mano, della tua parola gentile,
ora che la fame letteraria
non avrà il pane della profonda cultura
del raro acume critico,
né il brivido della tua penna rossa,
corsiva e benevola sui fogli;
ora, che l’orologio è schiacciato sotto il grande passo…

Ci stringiamo su questa pagina affranta
per dirti GRAZIE, carissimo Stefano.
Grazie per la presenza ad ogni appello,
per esserti donato mente e favella
instancabilmente, chiedendoci nulla.
Grazie di cuore soprattutto per quello che resta
dopo aver seminato e cresciuto
il tuo esempio nella nostra foresta.

Credo che  maggiormente esemplificative di chi era veramente Stefano Benassi, a prescindere dalla sua immensa  cultura, siano, fra quelle scritte da Cristian, proprio queste parole: 
Grazie per la presenza ad ogni appello,
per esserti donato mente e favella
instancabilmente, chiedendoci nulla.

Presente ad ogni appello. Noi chiedevamo e lui c’era. Sempre.

L’Università aperta di Rimini dedicherà al suo stimato e amatissimo docente due serate, durante le quali verranno letti testi poetici e narrativi nati nell’ambito dei laboratori da lui diretti.

Domenica 7 settembre
–    ore 18, Palazzo del Podestà, Piazza Cavour  Rimini:
–    Omaggio a Stefano Benassi. Letture di testi poetici dei partecipanti ai corsi. A cura di Giuseppe Prosperi e Grazia Antonioli

Martedì 9 settembre, ore 21, Palazzo del Podestà, Piazza Cavour  Rimini:
Omaggio a Stefano Benassi. Letture di testi narrativi dei partecipanti ai corsi. A cura di Giuseppe Prosperi e Grazia Antonioli


Io, purtroppo, potrò essere presente solo nella serata del 9, il 7 sarò infatti a Mantova per Festival Letteratura.
Invito di cuore anche gli amici di Bologna, a partecipare: tutti lo abbiamo amato in ugual modo. Credo che riunirci per ricordarlo possa anche lenire il nostro sgomento per la sua perdita improvvisa.

E’ una ballata irlandese, la musica di questa sera.  L’ho scelta perché la splendida voce dell’interprete e le belle immagini possano donare serenità al nostro animo.

Ballata

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in in ricordo di, stefano benassi. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Stefano Benassi: due serate riminesi

  1. RenzoMontagnoli ha detto:

    Comunicato del 30 agosto 2008[..] L’aggiornamento di Arteinsieme. Interessante iniziativa di , tutto da leggere e da commentare, su Generation Y. Il ricordo di Milvia Comastri in [..]

  2. anonimo ha detto:

    La notizia non mi era sfuggita e le date sono già segnate nella mia agenda…
    Grazie!
    Cristella

  3. anonimo ha detto:

    Cara Milvia è davvero importante che il Professor Benassi venga ricordato. Era unico.
    E’ da tempo che volevo chiederti se possiedi una mail personale. Utilizzo il blog per questa richiesta perchè dovrei comunicarti una cosa che mi è accaduta personalmente. Non riesco a farlo pubblicamente attraverso il blog. ci terrei tu lo sapessi. Comunque sono Patrizia, ho scritto della mia incredulità e del mio dolore in seguito alla scomparsa del Professor Benassi nel Post che tu gli hai dedicato il 16 giugno 2008: “Era un faro”.
    Grazie
    Con stima
    Patrizia

  4. Soriana ha detto:

    @Cristella: Sarà quindi un’occasione per conoscerci…

    @Patrizia: Ciao! Mi ricordavo molto bene di te e del commento che avevi lasciato.
    Mi farà piacere se vorrai scrivermi, e non ho nessun problema a lasciare qui il mio indirizzo di posta elettronica. Eccolo:
    milvia.comastri@gmail.com
    A presto, allora!
    (Hai perfettamente ragione: il professor Benassi era unico!)

    Milvia

  5. lauraetlory ha detto:

    Adesso, dopo le nostre chiacchiere bolognesi, è un po’ come se lo avessi conosciuto anch’io.
    Laura

  6. riri52 ha detto:

    Di ritorno da Griseldascrittura
    trovo questo tuo invito. Non mancherò il 9, prima riprendo il lavoro, la pagnotta come si suol dire. Sarà un momento di grande emozione, per la sua unica e grande capacità di sintonizzarsi con le persone e , specialmente, il loro dolore. Ciao Rita

  7. Soriana ha detto:

    @Laura: mi fa piacere avertene parlato.

    @Rita: sarà bello ricordarlo fra amici.
    Come è andato il laboratorio?

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...