Parole in gioco

TheImg.asp

Dizionario affettivo della lingua italiana

Di questo libro ne ho sentito parlare a Mantova, in quel delizioso…Dopo festival condotto dagli altrettanto deliziosi Lella Costa e Fabio Soriga. Ospite, quella sera, fu infatti Matteo B. Bianchi a cui si deve l’idea della stesura del libro. Dato che, disciplinatamente, avrete già cliccato sul Link messo lì sopra, non vi sto a spiegare di che si tratta.  Vi dico, però, che da quando ho saputo dell’esistenza di questo particolare dizionario, mi sto chiedendo: e le mie parole affettive, quali sono? E ho scoperto che ci sono diverse categorie di parole, che mi piacciono: qualcuna mi piace per il suono, altre perché mi fanno ( mi facevano)  venire in mente immagini, altre, infine, per il loro significato, che sarebbero perciò le vere parole affettive, o del cuore.

Potrei creare quindi tre categorie e chiamarle:
Parole sonore (P.S.)
Parole immagini (P.I.)
Parole affettive  (P.A.)

Ecco per me è così:
P.S.: lapislazzulo: ha un suono bellissimo, con toni squillanti ma anche dolcissimi. Potrei anche non conoscerne il significato, non importerebbe nulla.

P.I.: Questa è una storia più lunga, che risale alla primissima infanzia. Non si tratta, in effetti, di una singola parola, ma di più parole, che però io, nella mia primaverile ignoranza, univo insieme. E fanno parte di un testo  a cui, a essere sincera, non mi accosto da almeno cinquant’anni. Però allora lo recitavo tutte le sere, capendoci ben poco. Soprattutto dove dice: nonciindurreintentazione e maliberacidalmale. Ecco le parole, che per me erano così, come le ho scritte;  e credevo, allora, che fossero i nomi di due signore, di due donne, insomma, e me le raffiguravo alte, magre, con dei lunghi capelli neri…Veramente mi sembra che mi facessero anche un po’ paura… Ah, l’infanzia! Ah, l’ignoranza! Ah, le preghiere !

P.A.: Condivisione. E vorrei aggiungere universale. Condivisione universale. Questa è la mia parola del cuore, e spiegazioni credo non necessitino.

Ma ora chiedo a voi: QUALI SONO LE VOSTRE P.S., P.I., P.A.? 

Partecipate numerosi alla stesura di questo Parolario senza pretese. Con una parola, con due, con venti…Non ci sono limiti alle parole!
Grazie! (anche grazie è una bella parola…)

Se poi voleste sapere come sono le parole di Carmen Consoli, sappiate (ma già lo sapete, mi sa…) che sono:
Parole di burro
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in domandine, robette. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Parole in gioco

  1. RenzoMontagnoli ha detto:

    Comunicato del 18 ottobre 2008[..] Il di Alberto Carollo. , una riflessione di Cristina Bove che immagina un Dio al di fuori dei canoni tradizionale e a cui ci hanno abituato le religioni, un essere che ha il rammarico di aver creato l’uomo, unico elemento imperfetto nella perf [..]

  2. anonimo ha detto:

    PS РScraml̩zz (in dialetto bolognese):brivido di raccapriccio

    PI РGh̩ttel ( bol.): fare il sollecito, mi fa venire in mente due gattini che giocano

    PA РFang̩in, Pin̬in (bol.): bambino piccolo.

    Perché in dialetto? Dipenderà dalla scuola di scrittura emiliana…

    Complimenti, Milvia, bel gioco e post ricchissimo.
    Mirella

  3. anonimo ha detto:

    Chiedo scusa.
    GHETTEL vuol dire fare il SOLLETICO e non il sollecito
    (ci vedo niente:è tutto così grigio, stamattina!)
    M.

  4. cochina63 ha detto:

    bel gioco, ci penso

  5. anonimo ha detto:

    P.S. : campane
    P.I. : arcobaleno
    P.A. : infinitamente

    Gianni Langmann

  6. ElysSun ha detto:

    Mmh sono tante le parole che mi piacciono, ognuna per motivi diversi. Non riesco a farmene venire in mente una in particolare adesso…sarà che è domenica mattina e sonnecchio ancora? ^___^

  7. anonimo ha detto:

    “Puzzolo”, quand’ero piccolo mi chiamava così un mio zio, e mi sembrava una gran bella parola affetiva.

  8. Soriana ha detto:

    @Mirella: a parte fangéin, le altre parole non le conoscevo. Che io non sia una bolognese doc? Che dici? Mi bocceranno alla scuola di scrittura emiliana?

    @Cinzia: Oh, Cinzietta! Ci stai ancora pensando?

    @Gianni: ben tornato! …Infinitamente, molto bella come parola affettiva…

    @ElysSun: in effetti è così. Di parole anche a me ne erano venute in mente tante, e magari oggi ne sceglierei altre, diverse da quelle che ho pubblicato l’altra sera.

    @Massimo: puzzolo è tenerissima, come parola detta a un bimbo piccolo.

    Grazie a chi ha partecipato. Che devo dire: pochi, ma buoni?
    Buona settimana a tutti e, perchè no, anche un forte abbraccio.

    Milvia

  9. poetikando ha detto:

    Che post interessante!
    Amo moltissimo le parole per il loro suono che spesso rende perfettamente l’idea del significato; quella che hai scelto tu, lapislazzulo, ad esempio, è davvero molto bella e anche a me trasmette le sensazioni che trasmette a te.
    Una parola affettiva che amo molto è luludhimu, che in greco significa mio fiore: è dolcissima e me la diceva mia nonna da piccola (sono un miscuglio di etnie…). Questo per le P.S. Per le P.I. invece sono più banale: mi piacciono quasi tutte parole tipo vento, tramonto, amante ecc ecc. Quanto alle P.A. “armonia”, una parola semplice e una cosa difficile da trovare, ma molto importante nella vita.
    E’ stato bello stare qui con te!
    Ciao
    🙂 *danj

  10. Soriana ha detto:

    @Danj: Grazie per aver partecipato al gioco (mi piacciono molto le parole che hai proposto). Benvenuta nel mio blogghino. Ciao!

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...