Vicenza, addì 14 novembre 2008

P1080366Eccomi qui, amici cari. Sono sopravvissuta all’evento che mi vedeva protagonista… E devo proprio dirlo: sono felicemente sopravvissuta… Sarà perché avete tenuto le dita incrociate? Forse, e mi fa piacere pensarlo. Ma soprattutto è per la grandissima professionalità, gentilezza, accuratezza, generosità di Alberto Carollo, in prima persona, e dei suoi validi collaboratori.

La presentazione del mio “Donne ricette ritorni e abbandoni” ha avuto, grazie a loro, una pubblicità capillare nella zona, che ha fatto sì che la saletta della libreria fosse al completo. Devo confessarlo: il mio incubo era che non si presentasse nessuno. Ho esperienze di presentazioni di libri dove, a parte qualche parente dell’autore, a far parte del pubblico c’ero solo io. Addirittura mi è capitato, a un festivalino del libro a Rovigo di essere l’unica spettatrice: in pratica c’eravamo l’autrice, l’editore e io. Orribile!
Per cui, sentire il ticchettio dei passi delle persone che scendevano le scale per raggiungere la saletta della
libreria, beh… un dolcissimo suono, lo definirei.

Ora lo so che vi aspettereste una cronaca dettagliata. Ma che dire? Mi sembra che tutto si sia svolto un po’ come in un sogno. Ascoltavo Alberto che mi poneva domande, e mi sembravano assolutamente intelligenti e interessanti (perché lo erano, in verità), mi sentivo rispondere in maniera altrettanto intelligente e interessante ( e su questo, invece, ho molti dubbi), insomma, mi sentivo così sicura come se non fossi io, oppure come se fossi una “io” che avesse appena sniffato qualcosa di illecito, esperienza che non ho mai fatto, ma che presumo ti faccia apparire per un tempo breve una persona tutta certezze, prima di crollare e non sapere neppure più come ti chiami. E in effetti, questa cosa qui, il crollo, voglio dire, l’ho avuto quando sono andata a dormire, perché tutta la notte non ho fatto altro che essere trascinata in un vortice di incubi tipo che  la presentazione era ancora in corso e io non riuscivo a spiccicare parola, e che poi  saltava fuori che il libro non lo avevo scritto io ma una tizia di Busto Arsizio che si presentava in libreria e mi massacrava di botte, compito molto facile visto che era una lottatrice di sumo. E altre cose di questo tipo.

E pensare che, invece, la serata è stata gradevolissima, almeno per me. Anche il pubblico è stato fantastico. Avete presente quando, alla fine di una presentazione o di una conferenza scatta la frase rituale rivolta al pubblico: “e ora, se qualcuno vuol porre domande…”?  Avete presente il gelo che quasi sempre cade in sala, i  colpetti di tosse, lo struscio delle sedie sul pavimento? Niente di tutto questo, l’altra sera: il pubblico è intervenuto, ha domandato, si è mostrato interessato. Beh, anche l’intervento del pubblico ha determinato la buona riuscita dell’evento.
Ecco: direi che tutto è stato perfetto.  Sembra anche che qualche copia del mio libro sia stata venduta. E questo mica capita sempre alle presentazione di autori sconosciuti…

Altro non saprei dire… Ora che ci penso avrei dovuto registrare tutto, così sarei stata più esauriente. E poi, dire di me mi riesce sempre difficile.
Passo quindi ai ringraziamenti, che faccio davvero con tutto il cuore:

Ringrazio Alberto, Patrizia, Aurora, Davide e tutta l’equipe di CaRtaCaNta: persone professionalmente e umanamente eccezionali.

Il pubblico che ha dedicato a una anonima scribacchina un venerdì sera.

La libreria Mondadori Quarto Potere di Piazza delle Erbe  che mi ha ospitato con molta cordialità.

La mia amica Mirella che mi ha accompagnato e sostenuto in questa mia bella esperienza vicentina.

Tutti i Vicentini che ho incontrato durante il mio breve soggiorno e che mi hanno fatto scoprire una cosa che non sapevo: la loro estrema gentilezza e disponibilità. Anche se questa mia affermazione, quando l’ho esposta durante la presentazione, ha stupito e non poco, i vicentini presenti.

Se poi volete saperne di più, della serata, allora, ecco cliccate qua sotto:

Come è andata la serata

Le foto

Ah, se vi dovesse capitare di soggiornare a Vicenza ecco qui un indirizzo che vi consiglio vivamente.

http://www.bbvicenza.com/

Concludo con un’altra cosa che mi riguarda:
QUI

 Buona serata domenicale con questa canzone, che a me piace, e mi ricorda quando ero piccola (nell’era Jurassika)

Quizas quizas quizas

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in autoreferenziale, donne ricette ritorni abbandoni, presentazioni. Contrassegna il permalink.

15 risposte a Vicenza, addì 14 novembre 2008

  1. anonimo ha detto:

    Il rischio di presentare fuori casa è quello di non avere il pubblico, invece sei riusciata a raccogliere un buon numero di spettatori! Complimenti a te e a Carollo.
    ciao
    Francesco

  2. ReAnto ha detto:

    Complimenti.
    Wow e che decoltè!

  3. winyan ha detto:

    Allora a quando un libro di poesia, più ne leggo di tue e più mi piacciono!!
    Ciao Milvia, mi fa molto piacere che la tua serata vicentina sia andata così bene..ti ho riconosciuta nelle foto…nel senso che ti ho visto in situazioni del genere…e che insomma si ho riconosciuto il tuo modo di stare, le espressioni etc…
    Un grosso abbraccio
    maria

  4. stefanomina ha detto:

    ciao milvia e bentornata.
    con le dita ho avuto qualche problema ma ne è valsa la pena a quanto dici.
    La poesia è molto bella ma non credo parli di te… credo che tu una tela la stia tessendo e anche bella robusta, altro che ragno incapace. Ti vedo più come formichina tenace ( ostinata?) e laboriosa. 🙂

    Grazie per la canzone… per un attimo sono tornato a quella magica atmosfera di “in the mood for love” di Wong Kar-Wai

    ciao e buona settimana
    da un fannullone per antonomasia (brunetta docet… non quella dei ricchi e poveri)
    stefano

  5. anonimo ha detto:

    Sono davvero contenta che la serata sia andata bene e che abbia gradito la nostra accoglienza 🙂 Lo stupore verso la sua sensazione su noi vicentini “ospitali” ci ha lasciato ammutoliti perché credo che siamo abituati a considerarci l’esatto contrario 😉 Ma fa piacere sapere che non è così.
    Sono molto contenta di aver avuto occasione di conoscerla in questa serata: quello che ha detto ̬ stato davvero interessante e profondo Рnon si lasci spaventare dagli incubi!
    Incuriosita dalla presentazione e dalla lettura degli stralci del suo libro, ne ho acquistata una copia – già prenotata da un’amica 🙂
    Le auguro di cuore che serate positive come questa si ripentano!
    -AnnaLetizia

  6. cristinabove ha detto:

    complimenti!
    Caspita come sei bella!
    un abbraccio

  7. verbavolant2008 ha detto:

    Complimenti Milvia!!!!! 🙂
    Per fortuna l’adrenalina ci tiene su e ci rende brillantissimi anche se dentro tremiamo come foglie… il problema è quando l’adrenalina cala e noi ci rendiamo conto che è passato il momento clou!!!!
    La prima volta che sono apparsa in pubblico sembravo una che non facesse altro tutto il giorno, ma quando è stato il momento di alzarmi dalla sedia per andare via le gmbe non rispondevano ai comandi!!!! 🙂

  8. cigale ha detto:

    Grazie per l’affettuoso post che hai dedicato a me, all’associazione e ai vicentini. Sono commosso. Per me queste serate sono un tonico rivitalizzante, una boccata d’aria fresca e pura. Grazie per essere la persona che sei e per gli spunti di riflessione che le tue parole hanno fornito a me e al pubblico. Ti aspettiamo al varco con il prossimo libro.
    😎

  9. Soriana ha detto:

    @Francesco: Ia riuscita della serata è stata tutto merito di Alberto Carollo e di CaRtaCaNta…
    Grazie per i complimenti… immeritati.

    @Antonio: Grazie! Wow! Che faccina girandolina!

    @Maria: Grazie, Maria, sono felice che ti piacciano le mie poesie… Ma credo proprio che pubblicarle sarà difficile, per due motivi: che dovrei mandarle a un editore, e che, comunque, non credo che nessun editore le pubblicherebbe…
    Mi fa piacere che tu mi abbia…riconosciuta: significa che riesco a essere sempre me stessa.
    Ricambio l’abbraccio con affetto.

    @Stefano: sono più tranquilla sapendo che hai “avuto” qualche problema con le dita: significa che “ora” non lo hai più, e così non mi devo più macerare nel rimorso…
    Grazie per la poesia e per la riflessione che fai: sai, le poesie (le mie, almeno) amplificano fino all’eccesso certi momenti che attraverso, che poi passano. Però più che una formichina mi sento un po’ cicala… Fannullona pure io…
    Quel film non l’ho visto, e non faccio altro che incontrare qualcuno che me ne parla. Dovrò decidermi a vederlo in dvd…
    E’ sempre un piacere, leggerti, Stefano.

    @AnnaLetizia: Grazie della sua visita! Mi piacerebbe molto ricordarmi il suo viso, ma un po’ l’emozione della serata, un po’ che sono smemorata e distratta, non riesco a collegarlo al suo nome.
    E riaffermo (e il suo commento ne è una prova ulteriore) che i Vicentini sono gentili e ospitali. L’ho constatato anche il giorno dopo la presentazione.
    Le auguro buona lettura, e, se crede, mi piacerebbe poi sapere cosa ne pensa, della mia creaturina.
    Grazie ancora, cara AnnaLetizia!

    @Cri: Grazie, Cri. Io, bella????? Ma no, mica è vero….

    @Carla: Più o meno come è capitato a me…E dire che non era certo la prima volta che apparivo in pubblico…
    Grazie, Carla del commento e della visita.

    Milvia

  10. Soriana ha detto:

    @Alberto: …sono io a essere commossa….
    Che devo dire? Solo grazie…
    Un abbraccio

    Milvia

  11. isabel49 ha detto:

    Complimenti! Sei venuta proprio bene nel video. Sono contenta che la manifestazione sia andata bene. Capisco i tuoi patemi, io non ho ancora affrontato questa esperienza, quando c’era la possibilità, poi naufragata, dicevo che mi sarei tenuta nell’ombra: sono una persona timida e non ho mai parlato al microfono.
    Ciao, ti auguro una buona serata.

  12. Soriana ha detto:

    @Isabel: grazie, Isabel. Mi sono trovata ormai diverse volte a parlare davanti a un pubblico, ma non so perchè l’altra sera ho avuto quella reazione…
    Un bacetto della buona notte. Ciao

    Milvia

  13. anonimo ha detto:

    Milvia non ti avevo ancora visto “dal vivo” nel blog. Accidenti che persona sei… Mica ti immaginavo così. Corro subito a rassettarmi la figura – dato che almeno all’anagrafe – son più giovane. Comunque i miei complimenti per la tua presentazione e per quello che fai e “dici” ogni giorno attraverso il blog.
    Patrizia

  14. anonimo ha detto:

    Mi fa piacere che la tua presentazione sia andata bene. Ben fatto Milvia, complimenti!

  15. Soriana ha detto:

    @Patrizia: Insomma, in attesa di conoscermi personalmente, hai avuto un piccolo assaggio nel blog… Ma mi stupisco molto di quello che dici…Non mi considero per niente O.K., fisicamente, tutt’altro…
    Ciao e a presto. Se leggi il post di oggi (Bologna e dintorni) guarda l’evento di sabato prossimo: credo ti possa interessare

    @Massimo: Grazie, e buona serata.

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...