Ricordare l'orrore.

bambini di terezin

Ne hanno parlato:

Alberto Masala
che riporta una lettera di  Franco (Bifo) Berardi.

Fharenheit Radio 3
La Shoah che parla italiano

Gea

Renzo Montagnoli:
Qui
e
Qui

Orasesta

Roxane

E io, io cosa dico, su questa giornata della memoria?
Solo una cosa. Che se mi metto a riflettere intensamente su tutti i genocidi, sulla barbarie, sugli orrori che l’uomo è stato capace di perpetrare verso i suoi simili, mi viene il desiderio di poter rinascere: non donna, non appartenente a una disumana umanità, ma gatto. Gatto, sì, che ha più anima, un gatto.

E poi lascio parlare un Poeta, che sapeva bene di cosa parlava:

"Se questo è un uomo".

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per un pezzo di pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.

(Primo Levi)

Beh, veramente qualcosina avrei scritto pure io.  Non la voglio chiamare poesia, ma solo l’espressione di una cosa che penso veramente.

Non ci sono stati sopravvissuti

Non possono dirsi sopravvissuti
quelle ombre dallo sguardo senza luce
che ondeggiano nel regno della morte
quando arrivano le truppe a liberarle.
Si aprono i cancelli dell’orrendo luogo,
ma libertà è già morta,
trucidata da belve senza cuore.
 

Trascinarono fuori i loro corpi
misere ossa e pelle come carta.
Lasciarono nel campo
l’anima incenerita.
Si portarono appresso
solo un canto di morte
trascritto su una stella
di stoffa colorata.

E questo è il video, è la musica che ho scelto.

Schindler’ list

Questa voce è stata pubblicata in avviso ai naviganti, calendari. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Ricordare l'orrore.

  1. Aracne ha detto:

    .. le tue parole sono di una tristezza senza fine…

  2. anonimo ha detto:

    Bella la prima poesia, anche se all’inizio, per via del titolo (Se questo è un uomo) pensavo si riferisse a un certo personaggio di Arcore, ma la seconda è ancora meglio, piena di malinconica forza e soprattutto senza cadere in frasi trite e ritrite.
    Mi piacciono soprattutto questi tre versi:
    “Si aprono i cancelli dell’orrendo luogo,
    ma libertà è già morta,
    trucidata da belve senza cuore.”
    Hanno il pregio di estendere il concetto a qualsiasi violenza e quindi non solo quella nazista.
    Brava!

    Lo scapestrato del web

  3. giuba47 ha detto:

    Non si può che sentire tanto dolore… Giulia

  4. anonimo ha detto:

    un abbraccio
    mi piace la tua misura delle cose
    alberto

  5. anailuc ha detto:

    Difficile quest’anno il giorno della memoria a pochi giorni dall’orrore di Gaza. E’una spirale tragica, di odio e di follia che si avvita su se stessa e sembra non abbia mai fine.Eppure bisogna continuare a sperare che la saggezza prevalga, che l’ultima strage che abbiamo visto da qualche parte nel mondo sia davvero l’ultima…
    Un bentornata e un abbraccio
    Luciana

  6. anonimo ha detto:

    Avete notato il tempismo con cui il Papa ha graziato i lefevriani, incluso il negazionista Williamson?
    Che disgusto!

  7. DreamLady ha detto:

    Credo che ricordare sia giusto e doveroso, ma debba anche insegnarci a far sì che certe cose non accadano nuovamente.

    Giustamente questo giorno ricorda i 6 milioni di morti di fede ebraica: ma non dimentichiamoci che non furono solo queste le vittime della follia umana. Disabili, zingari, donne, omosessuali, c’erano anche loro ad Auschwitz, Buchenvald, e anche alla risiera di San Saba.

    A volte ho l’impressione che si cerchi ancora vendetta per questi morti, colpendo però le persone sbagliate. Come a Gaza.

    Orrori del passato e genocidi sistematici nel presente. Razzismo e follia xenofoba intorno a noi.
    Dubito fortemente che l’uomo possa essere colto da saggezza…

    Grazie per la tua poesia, per la citazione importantissima di Primo Levi e, molto meno importante, per quella con il mio link.

    Un abbraccio

  8. RenzoMontagnoli ha detto:

    Comunicato del 28 gennaio 2009[..] Non è proprio una commemorazione del giorno della memoria, ma c’è un collegamento indiretto in Su Letteratitudine. Sul Giorno della memoria: [..]

  9. Soriana ha detto:

    @Aracne: grazie della visita, Aracne. Torna quando vuoi.

    @Scapestrato: Beh, mi hai fatto sorridere con quel riferimento ad Arcore…
    Non penso che la mia poesia sia migliore di quella di Levi, ma ti ringrazio per averlo scritto.
    Ciao, e ritorna a trovarmi.

    @Giulia: Tristezza, e anche rabbia. Ciao, Giulia!

    @Alberto: Grazie! Che bella cosa hai detto…

    @Luciana: Anche se è pura utopia, sperare, sognare, aiuta a vincere la desolazione.
    Un abbraccio forte forte, Luciana.

    @Massimo: certo che ho notato… Disgustoso davvero. E poi mi chiedo come si può essere negazionisti… Solo un pazzo, può esserlo.

    @Roxana: ricco commento, il tuo. No, non posso dimenticare che non sono stati solo gli ebrei, vittime di quella immane strage. Ogni tanto infatti, in qualche post ne parlo. E scrissi pure una poesia, su questo, tempo fa.
    Non so, comunque, se da questo incivile e bestiale passato se ne trarrà insegnamento. Purtroppo l’uomo è il peggior nemico dell’umanità. Vedi appunto Gaza, e l’Africa…
    Ti abbraccio e grazie.

    Milvia

  10. Soriana ha detto:

    Antonio, è bellissimo!
    Ti ho lasciato un commento (da te).

    Ciao.

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...