Cipolle…in versi

blog_mini-cipolla
Cipolla:  allium cepa, la chiamano i botanici, zvòlla si dice a Bologna, e cipudda in Sicilia, e scigòla dicono i Lombardi.
Il suo utilizzo in cucina è assai frequente e vario: cruda, lessata, al forno, rosolata, in frittata, nella zuppa…
E, grazie alla presenza di sali minerali e vitamine ha anche numerose qualità terapeutiche.
Insomma, niente di nuovo, mi direte, lo sapevamo già, tutto questo.
Però quello che io non sapevo è che ci sono stati poeti che a questa pianta bulbacea hanno dedicato i loro versi.  E voi, lo sapevate?
Io l’ho scoperto per caso, l’altro giorno, quando la mia cara amica
Graziella Poluzzi    (cliccate, please) mi ha mandato una delle sue più recenti poesie. Incuriosita dal tema, ne ho cercate altre, di altri autori e ora, insieme a quella di Graziella, ve le propongo.

LA CIPOLLA
di
 Graziella Poluzzi

(omaggio a Wislawa Szymborska)

Mira, un occhio di riguardo
per la sua forma rotonda e piena
Nasce così a strati concentrici
l’uno all’altro abbracciati
Originale al massimo
Densità di risorse, una magica
sfera
Carnosa e pronta, generosa è la
cipolla:
dona sapore ad ogni cosa
gustosa ed umile e neanche costosa..
E’ santa la cipolla
stupore da ingoiare.
Rotonda e piena come palla astrale
conduce, trascina;
centrifuga e centripeta
tutta energia vitale.
Dorata figlia del cielo e della terra
del sole e delle nubi
Sacra danza anulare
Perfetta è la cipolla.

LA CIPOLLA
di
Wislawa Szymborska

La cipolla è un’altra cosa.
Interiora non ne ha.
Completamente cipolla
fino alla cipollità.
Cipolluta fuori,
cipollosa fino al cuore,
potrebbe guardarsi dentro
senza provare timore.

In noi ignoto e selve
di pelle appena coperti,
interni d’inferno,
violenta anatomia,
ma nella cipolla – cipolla,
non visceri ritorti.

Lei più e più volte nuda,
fin nel fondo e così via.
Coerente è la cipolla,
riuscita è la cipolla.
Nell’una ecco sta l’altra,
nella maggiore la minore,
nella seguente la successiva
cioè la terza e la quarta.
Una centripeta fuga.
Un’eco in coro composta.

La cipolla, d’accordo:
il più bel ventre del mondo.
A propria lode di aureole
da sé si avvolge in tondo.
In noi – grasso, nervi, vene,
muchi e secrezioni.
E a noi resta negata
l’idiozia della perfezione.

LA CIPOLLA
di
 Pablo Neruda

Cipolla, anfora luminosa,
petalo e petalo
si formò la tua bellezza,
squame di cristallo ti accrebbero
e nel segreto della terra oscura
si arrotondò il tuo ventre di rugiada.
Sotto la terra
fu il miracolo
e quando apparve
il tuo rozzo stelo verde,
e nacquero
le tue foglie come spade nell’orto,
la terra accumulò il suo potere
mostrando la tua nuda trasparenza,
e come in Afrodite il mar remoto
duplicò la magnolia
innalzando i suoi seni,
così ti fece,
cipolla,
chiara come un pianeta,
e destinata
brillare,
costellazione costante,
rotonda rosa d’acqua,
sopra
la tavola
della povera gente.
Generosa
disfi
il tuo globo di freschezza
nella consumazione
fervente della pentola,
e la parete di cristallo
al calore acceso dell’oliosi trasforma in arricciata penna d’oro.
Anche ricorderò come feconda
la tua influenza l’amor dell’insalata,
e sembra che il cielo contribuisca
dandoti fine forma di grandine
a celebrare la tua chiarità sminuzzata
sugli emisferi di un pomodoro.
Ma alla portata delle mani del popolo,
innaffiata di olio,
spolverata
con un po’ di sale,
uccidi la fame
dell’operaio nella dura strada.
Stella dei poveri,
fata madrina
avvolta
in delicata
carta, esci dal suolo,
eterna, intatta, pura
come seme d’astro,
e nel tagliarti
il coltello in cucina
sale l’unica lacrima
senza pena.Ci hai fatto piangere senza affliggerci.
Io ho cantato quanto esiste, cipolla,
ma per me tu sei
più bella di un uccello
dalle penne abbaglianti,
sei per i miei occhi
globo celeste, coppa di platino,
danza immobile
di anemone niveo,
e vive la fragranza della terra
nella tua natura cristallina .

CIPOLLA
di
Roberto Piumini

Non piangere, cipolla
tu sola sei capace,
trattata con affetto,
riscaldata pian piano,
un po’ rimescolata,
(ma molto lentamente,
per non finire,
come si usa dire,
dalla padella alla brace)
senza crudezza, senza seccature,
soltanto un po’ rosata
nel tuo olio abbondante
cipolla profumata, sei capace
di dare al riso il riso che mi piace.

Non so, non ho fatto ricerche  per scoprire se ad altri ortaggi o erbe aromatiche sono state dedicate poesie: magari, chessòio,  al sedano, alla rapa,  o al prezzemolo… Tipo:
Oh, prezzemolo dalle verdi fogliette
tu che sei il più usato fra le erbette…

Che ne dite se metto nel post anche la ricetta della zuppa di cipolle? Sì, sì, la metto, eccola:

Zuppa di cipolle alla parigina
300 gr.di cipolle
50 gr.di burro
20 gr. di farina
1 lt e ¼ di brodo di dadi bollente
sale, pepe nero macinato fresco
8 fettine di pane bianco tagliate piuttosto sottili
100 gr. di gruyère  grattugiato
soupe

Tagliate ad anelli le cipolle. Fate fondere il burro in una casseruola e buttavi le cipolle, cospargendole di farina,  e lasciandole imbiondire rigirate continuamente. Aggiungete poi il brodo, rimescolate bene e lasciate cuocere lentamente per 20 minuti, salate e pepate il tutto. Togliete la crosta alle fette di pane, tostatele e disponetele in una pirofila. Versatevi sopra la zuppa e cospargetela con il gruyére.
Ponete la pirofila sul ripiano più alto del forno già acceso e fate gratinare per 10 minuti a 270 gradi.
Trascorso questo tempo sfornatela e portatela in tavola nello stesso recipiente.
Una variante può essere disporre la zuppa in piccole pirofile da porzione, e farle poi gratinare dopo averle ricoperte con crostini di pane e il formaggio grattugiato.

Io, questa ricetta, l’ho provata diverse volte, anni fa, e l’ho trovata buonissima.

Uauh! Ora che ci penso, tagliare la cipolla fa piangere… E poi la notte scorsa c’è stato un grosso temporale, qui da me… E poi…
Insomma, ascoltatevi questa pioggia, e queste lacrime. Ma non piangete, che mica è vero che le lacrime fanno gli occhi belli…
E buona domenica.

Demis Roussos: Rain and Tears

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in miscellanea, piccolo ricettario, poesie a tema. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Cipolle…in versi

  1. accipicchia ha detto:

    Solo tu sei capace di trovare le cose meno ovvie, e mi piace molto il modo di proporle con quella simpatica “leggerezza” che aiuta a stemperare i momenti difficili, magari quelli che in questi tempi stiamo vivendo!?
    I veri poeti, vedo, fanno poesia anche prendendo spunto dalla quotidianità. Molto interessante la tua ricetta, non la conoscevo e…sa proprio di buono!
    Un carissimo saluto. Piera

  2. isabel49 ha detto:

    Che post ricco e velatamente ironico. Le poesie che proponi sono tutte bellissime, per non parlare di quella di Neruda, quasi un poema in onore della cipolla. La ricettina della zuppa, grazie per avermela ricordata, anch’io anni fa l’ho provata, non so se la mia fosse uguale, ma comunque quella zuppa è veramente gustosa, l’unico handicap sono le lacrime.
    Buona serata cara Milvia.
    Con affetto.
    Annamaria

  3. anonimo ha detto:

    Conoscevo solo le cipolle di Neruda e Piumini e quidi grazie…Per la zuppa che adoro ,ci sta bene anche qualche porro ,la rende più sfiziosa.Un abbraccio e consoliamoci con il cibo.Io ora,dopo esser andata per il ballottaggio a Torino ,mangio nutella e rabbia come Moretti!Ciao
    Tinti

  4. cristinabove ha detto:

    grazie, cara Milvia, hai aperto il mondo sulla cipolla, e quanto interessante!
    anch’io conoscevo sole quella di Neruda e Szymborska.
    :-)*

  5. cristinabove ha detto:

    cipolle e altro[..] [..]

  6. anonimo ha detto:

    Mmm… sarà che a me piacciono, quindi ho gradito il tutto.
    P.S.
    Per non piangere sbucciare le cipolle completamente immerse nell’acqua
    fredda.
    Francescafutura

  7. anonimo ha detto:

    Mi ha fatto “piangere” tutta questa “cipollosità“! Non sapevo che fossero state scritte tante poesie sulla cipolla, conoscevo solo quella di Wislawa Szymborska. Quindi grazie, ho imparato una cosa che non sapevo. Dimenticavo, è riuscitissima anche La cipolla di Graziella. Ciao, Wilma.

  8. nataliacastaldi ha detto:

    oltre ad adorare le “tue” cipolle… adoro questa qui, e te la dono.
    nat

    ***

    Valentine – di Carol Ann Duffy

    Not a red rose or a satin heart.

    I give you an onion.
    It is a moon wrapped in brown paper.
    It promises light
    like the careful undressing of love.

    Here.
    It will blind you with tears
    like a lover.
    It will make your reflection
    a wobbling photo of grief.

    I am trying to be truthful.

    Not a cute card or a kissogram.

    I give you an onion.
    Its fierce kiss will stay on your lips,
    possessive and faithful
    as we are,
    for as long as we are.

    Take it.
    Its platinum loops shrink to a wedding-ring,
    if you like.

    Lethal.
    Its scent will cling to your fingers,
    cling to your knife.

    ***

    Valentine

    Non una rosa rossa o un cuore di satin.
    Ma una cipolla.
    Una luna avvolta in carta marrone.
    E’ una promessa di luce
    come il cauto denudarsi dell’amore.

    Ecco, tieni.
    Ti colmerà gli occhi di lacrime
    come un’amante.
    Farà della tua immagine
    una foto vibrante di pianto.

    Cerco di essere vera.

    Non un biglietto carino o un baciogramma.

    Io ti do una cipolla.
    Fiero il suo bacio ti vestirà le labbra,
    possessivo e fedele
    come siamo noi,
    per tutto il tempo in cui saremo noi.

    Prendila.
    I suoi cerchi di platino ti cingono in anello nuziale,
    se lo vuoi.

    Letale.
    Il suo profumo si attaccherà alle tue dita,
    al tuo coltello.

    trad. natàlia castaldi, 2009

    ***

    l’amore è aspro come una cipolla
    “io cerco di essere vera” dice la poetessa alla sua amante, non ti prometto rose odorose, né vita semplice, il nostro è un amore difficile, ti riempirà di dolore
    ma ti cingerà le dita come i cerchi saldi ed avvolgenti di una cipolla in anello di fede, se lo vuoi …
    il suo pungente spirito resterà sulle tue dita, sul tuo coltello

    sarà la tua ferita e la tua cura, ma sarà vita vera.

    a scrivere è una donna omosessuale ed è un messaggio d’amore tra i più veri e belli che abbia mai letto.

  9. margueritex ha detto:

    i veri poeti riescono a conferire dignità a tutto ciò di cui scrivono.
    grazie!
    e buon appetito

  10. Soriana ha detto:

    Grazie a tutte! E poi:
    Un benvenuto a Francescafutura (grazie per il consiglio) e a Wilma. E a Natàlia per la bellissima poesia e la sua traduzione.

    Un abbraccio dal Salento
    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...