Comunicazioni, considerazioni, delusioni, un ricordo

di_chi_è_questo

Prima di presentare gli argomenti del giorno di questo post, due, come dire, comunicazioni di servizio:
Domani 7 ottobre e pure giovedì 8, leggerò, nel gazebo di Ad Alta Voce e
Ausilio per la cultura
posto in Piazza Re Enzo a Bologna, un brano di Antonio Amurri, tratto dal suo libro Come ammazzare il marito senza tanti perchè
Insieme a me leggeranno brani diversi  altri compagne e compagni del corso di lettura ad alta voce di testi comici che ho frequentato qualche mese fa sotto la guida della bravissima lettrice, attrice, doppiatrice (e anche autrice di bei racconti…) Margaret Collina .
Se amici bolognesi vorranno esserci sarà per me un piacere salutarli. Le letture si svolgeranno dalle 16 alle 17,30.

L’altra comunicazione riguarda un bell’evento che si terrà a Rimini venerdì 9 ottobre, ed è questo:
L’ISUR, istituto di scienze dell’uomo di Rimini organizza venerdì 9 ottobre ore 16,30 al Museo della città un incontro in cui verrà presentato il libro sull’autobiografia :

Soggetti di Storie. Donne, uomini e scrittura di sè.
Saranno presenti le autrici Barbara Mapelli e Laura Menin. Verrà presntato un video di Federica Soglia girato durante un laboratorio di scrittura autobiografico interculturale ,  e durante una serata di letture dei testi prodotti. Durante l’incontro sono previsti interventi e letture sull’esperienza di scrittura delle partecipanti.

Io ci sarò, come spettatrice. Spero che il pubblico sia numeroso, perché l’argomento è molto interessante, e l’intercuculturalità sta diventando un aspetto imprescindibile del vivere civile.

Detto questo, passo a parlare di…
State pensando che voglia affrontare l’argomento del grande (basso) corruttore? Ma no, tralascio. Del corruttore con lodo, ma senza lode alcuna, non dico nulla. Mi limito a riportare il titolo in prima pagina de Il fatto quotidiano: Ma lui resta premier e Previti avvocato.

Della cronaca che oggi riportano i media mi piace segnalare due notizie.
1) In Africa la Chiesa apre al preservativo. Pur con qualche cautela, con qualche precisazione di troppo, sembra che il Sinodo per l’Africa sia stato sfiorato da una ventata di buon senso: il cardinale ghanese Peter Turkson ha dichiarato che il preservativo può essere consigliato, anche se, aggiunge in maniera categorica, deve essere unicamente utilizzato da una coppia regolarmente sposata in cui uno dei coniugi sia siero-positivo. Va beh, mica possiamo pretendere che la Chiesa si metta a distribuire condom  in lungo e in largo … D’altra parte, in contrapposizione a quanto aveva dichiarato il papa nella primavera scorsa durante il suo viaggio in Africa ( l’uso del preservativo, aveva detto, peggiora la situazione) nel continente flagellato dall’Aids molti religiosi che operano presso presidi sanitari insegnano alla popolazione come usare il condom. E meno male!
Voglio fare una considerazione, a proposito di questa malattia. Ho l’impressione che ultimamente non se ne parli molto, qui in Italia. Che, quando se ne parla, come oggi, appaia come un problema lontano, che tutto sommato non ci riguardi.  Mi chiedo se i giovanissimi, gli adolescenti, abbiano le informazioni adeguate. Non so, forse dipende da una mia distrazione, ma mi sembra che sia proprio così: sembra anche a voi?

2) Barak Obama mi ha deluso: io non sono certo in grado di giudicare
la politica estera; però la scelta del Presidente degli Stati Uniti di non incontrare il Dalai Lama durante la visita che il capo supremo dei Buddisti farà a Washington mi ha profondamente delusa. Ragioni di Stato, certamente. Obama non vuole mettersi in contrasto con il governo di Pechino, non vuole compromettere l’esito della sua visita in Cina programmata per il prossimo novembre, durante la quale dovrà mettere sul tavolo dei Cinesi diverse richieste.
Però… Insomma, l’ho detto: io di politica estera non me ne intendo… ma che delusione!
Ricordo ancora l’indignazione che provai quando il Dalai Lama, nel novembre del 2007, visitò l’Italia e  il  presidente del Consiglio (era Romano Prodi, all’epoca) decise di non ricevere il premio Nobel per la Pace per ragioni di Stato. E la stessa indignazione mi coglie ora. Cosa ne pensate?

Concludo con l’omaggio a Mercedes Sosa,1858592_0 la "cantora popular" simbolo della lotta contro la dittatura e per i diritti civili in Argentina, che, come immagino tutti sappiate, è morta ieri all’età di 74 anni.
Mi fa piacere pensare che mio figlio  l’ha sentita cantare al Colon di Buenos Aires nel novembre 2006, nell’ultima serata prima che il teatro chiudesse per restauro. Di quel concerto Alex mi parlò in toni entusiastici.
Ecco allora, di Violetta Parra, ma dalla voce di Mercedes Sosa:

Gracias a la vida

E credo che se Mercedes ringrazia la vita, un grazie a lei lo debba dire il suo popolo, e tutti coloro che vedono la libertà come bene supremo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in avviso ai naviganti, bologna e dintorni, domandine, hanno detto, in ricordo di. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Comunicazioni, considerazioni, delusioni, un ricordo

  1. stefanomina ha detto:

    ciao Milvia, nutro le tue stesse perplessità… credo sia importante non abbassare mai la guardia su alcuni temi come quello dell’Aids e non dare per scontato che tutti sappiano, primo perché non è così e poi perché ci sono sempre nuovi “ragazzi” da informare.
    Per quanto riguarda Obama credo abbia un compito davvero complicato… cercare di cambiare un paese come gli Usa con “nemici” non solo nel partito avverso credo sia una battaglia per lui durissima… ci vorranno anni. Certo anch’io sono profondamente deluso per il mancato incontro con il Dalai Lama ma purtroppo , le ragioni di stato hanno sempre la precedenza come tu stessa hai riconosciuto. Speriamo che qualcosa cambi in futuro ma credo che di rospi ne dovremo ingoiare ancora… il presidente americano incarna un cambiamento per ora solamente teorizzato; mi auguro che si passi presto alla pratica
    ciao Milvia
    se non lavoro ci vediamo al museo.
    stefano

  2. anonimo ha detto:

    Di AIDS nelle scuolo non se ne parla come qualche anno fa ,non ci sono corsi o incontri perchè mancano le ora per insegnare e i docenti….si muore ancora però ….per Obama ,anche io sono rimasta,da ingenua speranzosa ,delusa.Inoltre quando l’ho visto presentarsi con la moglie per “avere le olimpiadi”per certo mi sono sentita stranita.Non si può sperare troppo ,forse solo un poco.Grazie
    Tinti

  3. RenzoMontagnoli ha detto:

    Comunicato del 7 ottobre 2009[..] No a un altro monumento all’imbecillità. Samizdat. Quelli che… Una rosa per Bea. Compiacimenti e delusioni: l’Impero colpisce ancora. Gli scritturosi… [..]

  4. isabel49 ha detto:

    Ha deluso anche me il comportamento di Obama, un capo spirituale merita rispetto e apertura ad un dialogo.
    Sono contenta che il lodo Alfano sia stato bocciato, è una legge che disapprovo.
    Complimenti per le tutte le manifestazioni letterarie alle quali partecipi.
    Buona serata cara Milvia.

    un abbraccio
    annamaria

  5. Soriana ha detto:

    @Stefano: Si, caro Stefano, credo proprio che gli adolescenti di oggi pensino che l’Aids sia un problema che non li riguarda, che appartenga al passato. Sanno cosa è, nel migliore dei casi, ma non ne conosco il pericolo ancora presente. Su Obama…speriamo nella pratica, allora.
    Spero proprio di incontrarti, domani.
    Milvia

  6. Soriana ha detto:

     @Tinti: hai usato l’espressione giusta, cara Tinti, per descrivere la tua impressione per quanto riguarda Obama e le Olimpiadi. Pure io mi sono sentita stranita.
    E giusta è pure la motivazione che dai per il non trattamento dell’argomento Aids nelle scuole…
    Però dovrebbero esserci anche altri canali, a mio avviso.
    Un bacetto
    Milvia

  7. Soriana ha detto:

    @Annamaria: ma lo sai che ho appreso proprio da te che il lodo Alfano è stato bocciato? Ora vedremo che succede, ma le prime reazioni del cosiddetto premier non sembrano presagire nulla di buono.
    Grazie di tutto,  buona giornata e un abbraccio.
    Milvia

  8. danildc ha detto:

    Ciao! Com’è andata la lettura di oggi?
    Un abbraccio,
    Daniela
    (quella della Luisona)

  9. Soriana ha detto:

    @Daniela: che bello averti qui! E non sapevo neppure che tu avessi un blog!  E anche interessante, mi sembra di capire dalla breve visita che vi ho fatto.
    Il pomeriggio è andato bene, anche se forse c’era meno pubblico di ieri.
    La "tua" Luisona è stata letta da un signore (credo di Leggio) che si chiama Giovanni Chessa, che non conoscevo.
    Domani avrò un altra (imprevista) lettura a Rimini, Il pubblico dovrebbe essere numeroso… Spero di non fare cattive figure…

    Ciao, Daniela! E ritorna a trovarmi.

    Milvia

  10. danildc ha detto:

    In bocca al lupo per Rimini!!! :)))

  11. stefanomina ha detto:

    non so se riuscirò ad esserci… sicuramente non alle 16,30…speriamo di farcela
    ciao milvia

  12. Soriana ha detto:

    @Daniela: è andata proprio bene! Grazie.

    Milvia

  13. Soriana ha detto:

    @Stefano: e invece ce l’hai fatta!

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...