Le vostre risposte, le vostre identità 

Risposte

Allora, vediamo un po’ i risultati di questo giochino, che in realtà non mi sembra che abbia avuto una grande partecipazione… Per cui sono ancora più grata e ringrazio di cuore chi si è messo in gioco…

Renzo: eh, Renzo non ha lasciato un commento diretto, definirei, la sua, una risposta trasversale, dato che, segnalando (con la gentilezza di sempre) il mio post, ha scritto: Essere un altro? No grazie.Sul Romanzo Blog Renzo Montagnoli
Quindi, ecco chi Renzo vorrebbe essere (e che in realtà è):

Per cui, gli dedico un mio verso, scritto così all’impronta: e altro non  vorrei essere se non quello che sono

(Impronta? ma, mi viene il dubbio che non sia mica corretto scrivere “all’impronta”. Però, mi suona bene…)
Ah, ne approfitto per segnalare una bella intervista che Renzo ha rilasciato e che è stata pubblicata ieri nel blog di Radames/Morgan.
Questa qui
In effetti, leggendola, non gli si può dar torto, a Renzo, di voler essere niente altro che se stesso…tati-jacques

Gianni: Prima di tutto a Gianni, vada il mio caloroso bentornato. Era tanto che non ricevevo una sua  visita…   Dunque Gianni vorrebbe essere francese e attore. Vorrebbe essere lui, insomma:
Jacques Tati. Non sa darne motivazione, ma forse a Gianni piace l’esprit francais: mi sembra di ricordare che in un mio post dedicato alla musica lui avesse citato: Vous qui passez sans me voir
E Jacques Tati ha indubbiamente un certo fascino, poi.

Annamaria:  C’era da dirlo! La nostra Annamaria, che di libri si ciba, e di scrittura, non poteva che scegliere un’esponente del mondo letterario.ada_negri Una brava poetessa di cui forse molti hanno perso memoria. Mi è capitato di pubblicare qualche sua poesia, qui nel mio blog. E poi mi ricorda il libri di lettura delle elementari, dove il nome di Ada Negri appariva spesso. Magari accanto a questa poesia:

Neve

Sui campi e sulle strade
silenziosa e lieve
volteggiando, la neve cade.

Danza la falda bianca
nell’ampio ciel scherzosa,
poi sul terren si posa, stanca.

In mille immote forme
sui tetti e sui camini,
sui cippi e sui giardini dorme.
 
Tutto d’intorno è pace;
chiuso in oblìo profondo,
indifferente il mondo tace.

 

Tinti: Queste donne poetesse e scrittrici mi sorprendono sempre. Chi dipinge, chi scolpisce, e anche chi, come Tinti, ha una bella voce e propensione al canto. Mi piacerebbe proprio poterla sentire…
Nell’attesa non mi (ci) resta che ascoltare due grandissime, delle quali Tinti vorrebbe prendere l’identità

Ella Fitzgerald ella

            mina-festival  Mina

(Tinti: credevo mi avessi abbandonata. Meno male che sei tornata… )

Franca: mi piace molto la motivazione che da Franca del perché vorrebbe  essere senza dubbio solo se stessa. E mi piace anche che accetti comunque di partecipare al gioco. Ancora la Francia si affaccia, una scrittrice davvero eccezionale quella nominata da Franca. 2764

Ed eccola anche qui
Simone de Bouvoir

Beh, ragazze e ragazzi, ora m’en vo a preparare la cena: faraona al tegame.
Buona serata a tutti.

Devastata dal raffreddore riprendo a postare le vostre risposte:

MargueRobespierreritex: mi stupisce, Margaret, per le sue scelte. Però, a pensarci bene, la capisco: di incorruttibili, di fustigatori di costumi, in quest’epoca in cui la morale e l’onestà sono diventati vocaboli obsoleti, forse ce ne sarebbe bisogno. Ecco perché i sogni della nostra lettrice, nonché scrittrice, la portano a immaginare di poter essere il Cittadino Maximilien de Robespierre ,
o, come alternativa, niente meno che Girolamo Savonarola
1174913227383 Vita, anzi, morte dura, avrebbe avuto la nostra Maggie…

Annalisa: con il buon senso e la leggerezza che la contraddistingue Annalisa, il suo cambio di identità lo limita a un solo pomeriggio.  Di Hanny Stadlind187861ad48c424283df88bdf6292872 mi ricordavo bene, e pure mi ricordavo bene e con affetto di Gerolamo Lazzeri, perché proprio attraverso le parole di Annalisa, li avevo conosciuti, in un suo libro incantevole (Annalisa è un’ottima penna…):  questo libro qui.

Buio assoluto, invece, per l’altra scelta. Allora ho fatto una ricerchina ,  e ho scoperto che Gladia  Delmarre altro non è che un personaggio della ricca produzione letteraria di Isaac Asimov. Gladia Ringrazio perciò Annalisa per aver ampliato la mia conoscenza. Mi ha fatto sorridere la motivazione che ha addotto per aver scelto l’identità di Gladia… Andate a leggere il suo commento e sorriderete pure voi…

Ci sono un sacco di link, in questo post: musica e altro. Cliccate, cliccate, cliccate…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in domandine. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Le vostre risposte, le vostre identità 

  1. accipicchia ha detto:

    Milvia cara, fai bene a rimproverarci, ce lo meritiamo!
    In realtà contavo di partecipare, poi si sono sovrapposte diverse cose ed ora, giustamente,hai tirato le somme con un post che è molto interessante.
    Ti mando un abbraccio. Piera 

  2. Soriana ha detto:

    Piera: per giocare, se vuoi, c’è sempre tempo…

    Buona nanna, cara Piera.

    Milvia

  3. PV64 ha detto:

    Si può "aver fame di faraona" alle 6,30 di mattina?!?

  4. Soriana ha detto:

    PV64: Per forza, se sei stato sveglio tutta la notte a pensare alla risposta, è logico che tu abbia fame, di qualsiasi cosa, io dico. E aggiungo che la faraona era ottima…
    Ho visitato il tuo blog, mi sono divertita, tanto è vero che l’ho già messo nella lista qui accanto dei preferiti.
    Ciao!

    Milvia

  5. margueritex ha detto:

    grazie Milvia!
    Il video su Savonarola pur se mal recitato è fantastico, in alcuni punti direi perfetto per i nostri giorni.
    E su Robespierre…che dire se non quello che lui diceva???
    « Tutti i cittadini, di qualunque condizione, hanno diritto di aspirare a tutti i gradi di rappresentanza politica. Nulla dovrebbe essere più conforme alla vostra Dichiarazione dei diritti, di fronte alla quale ogni privilegio, ogni distinzione, ogni eccezione deve scomparire. La Costituzione stabilisce che la sovranità risiede nel popolo, in ogni individuo del popolo. Ogni individuo ha dunque diritto di partecipare alla formulazione della legge cui è sottomesso e all’amministrazione della cosa pubblica che è la sua, altrimenti non è vero che tutti gli uomini sono eguali nei diritti e che ognI uomo è un cittadino. »

  6. Soriana ha detto:

    Margaret:  Povero Savonarola… Diceva il giusto ma nessuno ha raccolto. Il fatto è che oggi non siamo più nè popolo, nè cittadini: stiamo diventando sudditi.
    Grazie di questo bel contributo, Maggie.

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...