Ultimo post Thai

P1110969(Una sposa sulla spiaggia di Kamala)

Non sono ancora le nove del mattino, qui.  Fra meno di dodici ore me ne starò seduta nella sala imbarchi dell’aeroporto di Phuket, in attesa di partire.  E domani, verso mezzogiorno (ora italiana) mi accingerò a salire su un treno (treno italiano) che da Roma mi porterà a casa. Dove è freddo, dove forse nevica forse no, dove i colori vanno dal grigio spento al grigio denso,  ecc. ecc. ecc.
Per ora, però sono qui, e cercherò di godermi appieno queste ultime ore.
Non prima di avere scritto il mio ultimo post tailandese. Ultimo per quest’anno. Perché, tanto, io qui ci torno. 

Tornerò sicuramente a Nha-ton, la spiaggia che ho visitato domenica. Un incanto!
La più bella che ho visto in questa vacanza. Vi faccio vedere alcune foto, e il colore del mare, vi assicuro, mica l’ho alterato: è proprio così!
P1110995P1110996P1120001

E poi, il silenzio: poca gente, solo una fila di ombrelloni; niente moto d’acqua, che con il ruggito dei loro motori, su tutte le altre spiagge infastidiscono alquanto, niente venditori o venditrici che trascinano la loro mercanzia sotto il sole, cantilenando i loro… consigli per gli acquisti, nessuna musica ad alto volume sparata dagli impianti stereo dei barettini.  Solo le note ripetitive della risacca, e il canto degli uccelli.
Che pace! Che splendore! E’ un po’ scomoda da raggiungere da Kamala, ma ne vale la pena. L’atmosfera di quella piccola spiaggia mi accompagnerà nel tempo, ne sono sicura.

Così come le immagini di tutte le spiagge al tramonto. E’ al tramonto che gli abitanti dei villaggi arrivano in spiaggia: le mamme portano i loro bambini, a volte c’è anche qualche padre.  Madri e figli camminano lentamente sulla battigia poi, vestiti, avanzano nell’acqua. I bimbi ridono, le mamme sorridono, la luce dorata li accarezza. I padri li guardano dalla riva, e anche loro sorridono. Le moto d’acqua hanno smesso di ferire il mare con le loro scie, molti turisti se ne sono tornati nelle loro stanze. Mi immagino come poteva essere qui, quaranta, cinquanta anni fa. Bello. Tranquillo. Semplice.

Vorrei parlarvi anche delle letture che ho fatto in questi giorni.
Per ora, però, vi metto solo la foto  dei libri che mi hanno fatto compagnia.P1120006
 Che, a malincuore, lascerò qui. Quasi tutti.  Solo la foto, perché adesso vado a godermi la spiaggia,  quella qui, davanti all’albergo. The last day. The last beach.  Al ritorno in Italia vi dirò, di questi libri.
Vado.
Ciao.

O que serà…

Questa voce è stata pubblicata in i miei viaggi. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Ultimo post Thai

  1. accipicchia ha detto:

     E’ una meraviglia, Milvia, ciò che ci mostri! Luoghi speciali, ma anche sentimenti speciali i tuoi, di amicizia verso di noi, di condivisione.
    Grazie e buon ritorno. Piera

  2. cristinabove ha detto:

    che posti favolosi!
    lo credo bene che ti riprometti di tornarci… se si può!…

  3. isabel49 ha detto:

    Buon ritorno a casa cara Milvia e grazie per questo reportage di viaggio. Le foto sono stupende, hai ragione un mare incantevole!

    un abbraccio serale
    annamaria

  4. Soriana ha detto:

    Grazie, mie carissime amiche. Sono tornata. Mi piacerebbe continuare con le mie cronache serene… Ma, appunto, sono tornata. E si ricomincia a farsi fare il fegato grosso.

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...