Cronologie

golpe-in-cile-1Quel giorno a Santiago del Cile:
martedì 11 settembre 1973 a Santiago del Cile, i corpi speciali dell’esercito cileno, comandati dal generale Augusto Pinochet, destituirono con la forza il governo democraticamente eletto di Unidad popular, uccidendo migliaia di militanti del movimento operaio, tra cui il presidente Salvador Allende. E’ l’inizio di 17 anni di dittatura militare. 17 anni di terrore in cui uccisioni di massa, torture e deportazioni saranno all’ordine del giorno.

Victor Jara
Cantante cileno ucciso dal regime di Pinochet il giorno dopo il colpo di stato

11 settembre 2001_2[4]Quel giorno a New York:
martedì 11 settembre 2001 alle 8 e 45 un Boeing 767 della United Airlines si schianta su una delle Torri Gemelle di New York. Poco dopo un secondo aereo colpisce la Torre Sud, mentre un terzo aereo si schianta sul Pentagono, sede del Dipartimento della Difesa, a Washington.
Un quarto aereo con 45 passeggeri a bordo precipitera’ poco dopo in Pennsylvania vicino a Pittsburg.
 Gli attentati hanno provocato 2974 vittime e quello che ne è conseguito il mondo lo sta ancora vivendo.

Bruce Springsteen: Into the fire

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in calendari, cronache infernali, in ricordo di. Contrassegna il permalink.

15 risposte a Cronologie

  1. ReAnto ha detto:

    ciao milvia   😦

  2. cristinabove ha detto:

    ricordarenon devono essere morti invano…

  3. RenzoMontagnoli ha detto:

    Comunicato del 12 settembre 2010[..] E’ con emozione che vi comunico una notizia di importanza stratosferica.Grazie al genio italico è stato messo a punto un sistema elettrodinamicovettoriale in grado di far conoscere con la massima esattezza e in tutti i suoi particolari q [..]

  4. anonimo ha detto:

    Renzo, chiedi alla macchina del tempo quando cadrà Berlusconi..                                                        Un abbraccio. Franca.

  5. anonimo ha detto:

    Fai bene, cara Milvia, a ricordare il colpo di stato cileno, il cui anniversario è offuscato dalle terribili e fosche luci del multiplo attentato statunitense.E' giusto ricordare quei morti innocenti, tanti, sempre e comunque troppi, ma penso che Ground Zero passerà alla storia, se ci sarà ancora tempo per la storia, come la più grande macchinazione menzognera criminale mai organizzata fino allora dall'uomo.Le prove di un crollo pilotato delle tre torri (ci si dimentica spesso della terza) sono schiaccianti; quasi altrettanto il fatto che nessun aereo abbia davvero colpito il Pentagono, ma che anche là si sia trattato di esplosioni preparate e controllate; senza parlare poi della pazzesca violazione dei sistemi di sicurezza e di allarme della maggior potenza mondiale.E il fatto che il mondo abbia creduto, e in parte creda ancora, che quella allucinante giornata che cambiò il mondo sia stata progettata da un pastore-santone afghano chiuso dentro una grotta (e la cui famiglia è in ottimi affari con i potentati USA) sembra una barzelletta.Personalmente ti confesso che mi sono un po' stancato di affrontare questo tema, come invece feci in passato (se hai tempo e voglia, puoi leggere questa mia vecchia pagina ).Ma è un problema e un limite mio, perché la diffusione di informazioni e consapevolezza su quei fatti non è mai tempo sprecato.Un caro saluto.Franz

  6. anonimo ha detto:

    Brava Milvia ,attenta come sempre .Condivido il commento di Franz:come si può illudersi,  per non voler pensare, che un barbuto sepolto e polveroso abbia fatto tutto ….eppure ,per mettersi a posto e non dover scoprire che le cose non son mai come sembrano ,la gente ci conta.Grazie ancora.Tinti

  7. isabel49 ha detto:

    Il ricordo di quell'11 settembre è ancora impresso nel mio cuore, l'ho vissuto in diretta: ero davanti al video quando ci fu quel collegamento speciale. Non trovo le giuste parole per esprimere tutto il mio dolore per quelle vittime. Ricordare per non dimenticare! Grazie per averne parlato.un abbraccioannamaria

  8. margueritex ha detto:

    scusa Milvia se cambio argomento, ma scrivo questo commento per mettere in guardia tutti gli aspiranti scrittori da tutti gli editori che "per iscritto" promettono di pubblicare il loro libro con tanto di data approssimativa, e dopo sollecitazioni varie si tirano indietro.Tu sai di chi parlo…ti ho mandato anche una mail.E' una vergogna e se non fosse che odio andare dagli avvocati perchè lo sono stata pure io e so quanto bisogna penare….gli farei causa.Fatevi firmare un contratto!!!baci

  9. Soriana ha detto:

    Antonio: ciao anche a te!!!!Milvia

  10. Soriana ha detto:

    Cri: La cosa strana è che io, che ho ormai la memoria al lumicino… queste date, queste ferite, continuo a ricordarle. Per quel che serve…Un bacio, cara Cri.Milvia

  11. Soriana ha detto:

    Franca: credo che il tuo commento fosse per Renzo, ma ne approffitto per unirmi alla tua domanda. Anche se penso, in realtà, che anche dopo …la caduta, perchè le cose si raddrizzino, se mai si raddrizzeranno, ci vorranno decenni.Ciaooo!Milvia

  12. Soriana ha detto:

    Franz: sono andata a leggere il tuo vecchio post (condivido assolutamente l'apprezzamento che fece sul tuo articolo Maestro Poli):  non ho mai creduto che le cose siano andate come ce le hanno raccontate. La prima cosa che pensai fu che era assolutamente impossibile che i Servizi segreti non avessero ricevuto informazioni su quanto stava per succedere.Penso che sia  molto più fantascientifico credere alla versione ufficiale, che prendere in considerazione gli elementi concreti e logici esposti da fonti non legate al potere.  Sono certa però di una cosa: la realtà è troppo mostruosa perchè possa venire alla luce. Non accadrà mai, neppure fra mille anni.Grazie, Franz caro, per essere sempre così attento, per documentarti su ogni cosa e per condividerla con noi. Grazie, grande Franz!Milvia

  13. Soriana ha detto:

    Tinti: sai, cara Tinti, io credo che siano in pochissimi a credere che tutto sia andato come ce lo hanno presentato. E penso che, se tanti fanno finta di crederci, sia solo perchèaccettare una verità diversa,  accettare che dietro a tutto ci sia stato un preciso progetto da parte dei poteri statunitensi, sarebbe una cosa davvero terribile, che li annienterebbe.Ciao, cara. E buona serata.Milvia

  14. Soriana ha detto:

    Annamaria: quel giorno ero a Ischia, avvolta dalla bellezza dei Giardini di Poseidon. Mi telefonò mia nipote per raccontarmi quello che stava succedendo. E a mano a mano che passavano i minuti, e che le telefonate arrivavano da parenti e amici ai visitatori del giardino termale, questo diventava silenzioso, tutti ci guardavamo con sgomento e parlavamo a voce bassa, increduli. Io mi ricordo il bisogno che provai di telefonare a tutte le persone cui volevo bene.Un abraccio, AnnamariaMilvia

  15. Soriana ha detto:

    Margaret: ti ho scritto una mail, Margaret.Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...