Post salterello e un po' pazzerello

roma
…un po’ romano, un po’ pre-natalizio, e un po’ augurale, per un caro amico.

Ondeggiante ed esausta (felicemente) dal mio libero peregrinare fra libri e libri e ancora libri, mi affido in parte ad altre voci, per la stesura di questo post in tasferta  (che se non lo tengo aggiornato, poi, vi ci vuole un attimo per dimenticarmi…)

Ecco la voce di un romano illustre, nientepopòdimenoche…
Trilussa!
Non è molto allegra,  questa sua poesia, anzi direi che è piuttosto amara. Come lo è, spesso, la verità

Fra cent'anni

Da qui a cent'anni, quanno
ritroveranno ner zappà la terra
li resti de li poveri sordati
morti ammazzati in guerra,
pensate un po' che montarozzo d'ossa,
che fricandò de teschi
scapperà fòra da la terra smossa!
Saranno eroi tedeschi,
francesci, russi, ingresi,
de tutti li paesi.
O gialla o rossa o nera,
ognuno avrà difesa una bandiera;
qualunque sia la patria, o brutta o bella,
sarà morto per quella.
 
Ma lì sotto, però, diventeranno
tutti compagni, senza
nessuna diferenza.
Nell'occhio vôto e fonno
nun ce sarà né l'odio né l'amore
pe' le cose der monno.
Ne la bocca scarnita
nun resterà che l'urtima risata
a la minchionatura de la vita.
E diranno fra loro: – Solo adesso
ciavemo per lo meno la speranza
de godesse la pace e l'uguajanza
che cianno predicato tanto spesso!

E poi:
pensando che mò vene Natale, ecco i preziosi consigli di

Franz
su cosa regalare ad amici e parenti

e la visione dissacratoria e scoppiettante del Natale e dintorni  di
Silvana

E poi…  E poi ora divento più seria, perchè  voglio mandare un abbraccio e un augurio di prontissima guarigione al caro amico Renzo, che in questi giorni non è stato bene.
Ritorna presto, Renzo, che già ci manchi.

Infine questa canzone qui, una delle tre o quattro canzoni che da piccolina mi faceva piangere, e non so mica il perché. Come non so il perché piangevo di nascosto. Ero una bambina un po’ strana, forse. E, forse, lo sono anche adesso. Un po’ strana, dico.

Vecchia Roma

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Post salterello e un po' pazzerello

  1. anonimo ha detto:

    Vecchia Roma e' una canzone magica 🙂

    Laura (ormai sloggata da splinder)

  2. anonimo ha detto:

    Che bella la stranezza, soprattutto se è quella che possiedi tu.
    Silvana

  3. cristinabove ha detto:

    mi unisco agli auguri per Renzo,
    grazie per il resto
    cri

  4. Soriana ha detto:

    Laura: Ricordavo, sai, cara Laura, che ami questa canzone…

    Spero di vederti da Maurizio…

    Milvia

  5. Soriana ha detto:

    Silvana: Ma grazzzzieeee!!!!

    Milvia

  6. Soriana ha detto:

    Cri: Eh, ci ha combinato proprio un bello scherzetto, il Renzino…

    Milvia

  7. margueritex ha detto:

    adoro Roma, mi auguro di andarci presto.
    a Renzo ho mandato i miei auguri, ma li ripeto qui!

  8. Soriana ha detto:

    Margaret: Non solo è bella, Roma, ma ha un clima migliore del nostro. Ma, e tu lo sai, per me anche Bologna è bella.

    Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...