Oggi, solo una canzone (ma forse anche una riflessione))

Ieri sì

Ieri sì, da giovane,

Il gusto della vita, io lo bruciavo in me

Oh, ieri sì, quand’ero giovane

Perché la fiamma trema un po’,

Ma non si spegne mai…

Vivevo tutti i giorni che il cuore suggeriva

Avevo dei castelli che ora non ho più,

La notte poi cercavo il sole intorno a me

E non vedevo il tempo consumarsi con me…

Ieri sì, da giovane,

Cantavo le canzoni, più facili per me

E nelle mie mani io credevo che

Ci fosse già il filo dell’eternità.

Io non chiedevo mai, agli altri intorno a me

Qual e’ la verità, la vita che cos’è

Credevo nelle cose che dicevo io

Pensavo solo a me e a tutto il resto no…

Ieri sì, da giovane,

La luce di ogni giorno portava una pazzia

La forza dell’età riempiva i giorni miei

E non vedevo mai il vuoto che c’è in lei…

I giochi dell’amore, io li ho giocati tutti

Ho fatto dell’orgoglio la prima mia virtù,

Gli amici sono andati, non torneranno più,

La mia commedia ormai da solo finirò.

Ho ancora una canzone ma non la canterò

Il gusto della vita non lo ritroverò

È il tempo di pagare gli errori miei di ieri

Da giovane…

(C.Aznavour – G. Garvarentz – Mogol – Testa – 1970. Titolo originale: Hier ancore)

Ieri sì

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Non son solo canzonette e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Oggi, solo una canzone (ma forse anche una riflessione))

  1. lucarinaldoni ha detto:

    Dentro ogni persona di mezza età c’è un(‘) adolescente condannato/a all’ergastolo che ogni tanto tenta la fuga, come il protagonista di “Le ali della libertà” che per scappare fa passare vent’anni di pazienti e certosini scavi e poi non esita a concludere l’evasione con 500 metri di strisciate nel liquame purulento e maleodorante, ma poi lo attendono le spiagge messicane e le onde cristalline del Pacifico. Di scorcio si intravedono tutte le 100.000 isole di David Crosby.

    All’adolescente immusonito/a e impotente che alberga dentro tali persone, la fuga è consentita ad libitum, ma forse è solo una licenza premio perché poi le sbarre tornano a chiudersi intorno a lui/lei.

    Ma oltre ad aver visto “Le ali della libertà” quel/la ragazzo/a ha letto “Il vagabondo delle stelle” e allora c’è poco da costringerlo e segregarlo, sarà per sempre giovane.

    • Milvia ha detto:

      Capita, però, che l’adolescente all’improvviso (o piano piano) muoia, ucciso dalle illusioni che si trasformano in delusioni, dalla consapevolezza che tutto è già avvenuto, e che i sogni son tutti ridicole immagini di un futuro che non potrà mai essere vissuto. E allora la gabbia diventa una sorta di rifugio, una sterile anticamera della soluzione finale.

  2. Milvia ha detto:

    Grazie per il commento, Anonimo… Mi piacerebbe sapere chi sei…
    Notte serena…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...