Archivi tag: solitudine

Qui la gente va a dormire presto, la sera

Un racconto appena terminato. Lo dedico a tutte le donne che hanno il coraggio di cambiare il loro percorso di vita, e a tutti gli uomini che sono capaci di stare loro accanto. Qui la gente va a dormire presto, … Continua a leggere

Pubblicato in la mia scrivania | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Turno di notte

Il mese scorso ho partecipato a un simpaticissimo concorso: questo. Se leggete il bando, capirete perché lo definisco simpaticissimo.Non ho vinto (qui potrete trovare i nomi dei vincitori e i loro racconti),  ma devo dire che mi sono divertita.L’incipit è … Continua a leggere

Pubblicità

Pubblicato in la mia scrivania | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Il sopravvissuto (parte seconda)

Il ragazzo Il ragazzo, che portava un nome non suo, era steso sul letto, immobile. La luce del sole che filtrava attraverso le stecche della tapparella gettava una luce opaca sul suo viso, dove l’unico segno vitale era l’abbassarsi e … Continua a leggere

Pubblicato in donne ricette ritorni abbandoni | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

Il sopravvissuto (parte prima)

Questo racconto non è mai stato pubblicato in rete. ma fa parte della raccolta “Donne, ricette, ritorni e abbandoni” (Pendragon 2005), ancora acquistabile in diverse siti, per esempio qui. È un racconto piuttosto lungo, e preferisco, quindi, pubblicarlo a puntate. … Continua a leggere

Pubblicato in donne ricette ritorni abbandoni | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Un anno sgarrupato

Di nuovo un… ripescaggio, sempre a causa dei motivi descritti nell’incipit del post precedente. Non un ricordo personale,  questa volta, ma un racconto del tutto inventato. Buona lettura e, se volete,  lasciate qualche commento (anche cattivo…). Un anno sgarrupato Avrebbe … Continua a leggere

Pubblicato in la mia scrivania | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

Ho visto un uomo piangere

L’altro giorno, in autobus, ho visto un uomo piangere. Era seduto a qualche posto di distanza dal mio, in una posizione di fronte alla mia. Piangeva in silenzio, cercando di mascherare il suo pianto, corrugando la fronte e stringendo le … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 16 commenti

Onda su onda

E te ne stai lì, oziosamente -ancora oziosamente- sulla sdraio, e ti guardi pigramente intorno, e lo sguardo si sofferma sulle coppie che si lasciano avvolgere dall’acqua della piscina – quella piscina in cui anche tu, ogni giorno, galleggi in … Continua a leggere

Pubblicato in leggeri e pesanti pensieri | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 8 commenti