Pedagogia: Gianni Rodari, Giorgio Gaber

1269614563881rodari_2_bis

Non insegnate ai bambini – Giorgio Gaber

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Pedagogia: Gianni Rodari, Giorgio Gaber

  1. cristinabove ha detto:

    ecco, proprio così!ed offrire ali di pensiero ai paralitici…amore compassionevole a chi odia.

  2. margueritex ha detto:

    che meraviglia se genitori e docenti insegnassero davvero queste cose!!!

  3. anonimo ha detto:

    Se ai bambini proponi qualcosa di "diffcile"un pensiero alternativo ,qualcosa di diverso da quello che dicono gli altri ,per esempio una favola al contrario o imparare il Brail per comunicare col compagno ci vanno a nozze.Siamo noi che non ne abbiamo voglia.meglio il solito.Grazie Milvia sempre.Ps….facciamo qualcosa di sinistra?

  4. anonimo ha detto:

    Obbs,il commento precedente è mio!Tinti

  5. Soriana ha detto:

    Grazie, Cri, e Margaret e Tinti. Il destino del mondo è in mano ai bambini, o meglio agli adulti che essi diverranno. E il destino dei bambini è fra le nostre mani.E, a proposito sul fare qualcosa di sinistra, volevo segnalare che domani, sul Rai Tre in  Palco e Retropalco, mi pare alle 23 e 45,  ci sarà questa cosa:I bambini sono di sinistraLa registrazione dello spettacolo portato in scena da Claudio Bisio nel 2003Partendo dalle canzoni di De Andrè Bisio narra la crisi di persone sole. Gli unici capaci di reinventare la vita sono i bambini. Su testi di Michele Serra, Giorgio Terruzzi, Claudio Bisio, Giorgio Gallione, Gigio Alberti Canzoni: di Fabrizio De André eseguite dal Quartetto Zeli.Mi viene anche in mente che più che cose di sinistra, si stanno sempre più facendo cose sinistre….Vi abbraccio.Milvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...